• Italia
  • mercoledì 10 gennaio 2018

La storia di Franca Viola

Ha compiuto 70 anni la prima donna italiana a rifiutare il matrimonio riparatore dopo essere stata stuprata, e diventata per questo un simbolo

Franca Viola al Quirinale, Roma, l'8 marzo 2014 (ANSA/ETTORE FERRARI)

Il 9 gennaio Franca Viola, considerata la prima donna italiana a rifiutare il “matrimonio riparatore”, nel 1966, ha compiuto 70 anni. Da decenni Viola è considerata un esempio di emancipazione da molte donne italiane per essersi opposta a una pratica lesiva della libertà femminile, estremamente diffusa per secoli; per la stessa ragione l’8 marzo 2014 fu insignita dell’onorificenza di Grande Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana dal presidente Giorgio Napolitano.

Per capire l’importanza della scelta di Viola bisogna ricordare che fino al 1981 nel codice penale italiano c’era un articolo, il 544, che con riferimento al reato di stupro – allora e fino al 1996 considerato un “delitto contro la moralità pubblica e il buon costume” e non contro la persona – diceva:

«Per i delitti preveduti dal capo primo e dall’articolo 530, il matrimonio, che l’autore del reato contragga con la persona offesa, estingue il reato, anche riguardo a coloro che sono concorsi nel reato medesimo; e, se vi è stata condanna, ne cessano l’esecuzione e gli effetti penali».

In pratica una persona colpevole di stupro poteva evitare di andare in prigione se sposava la persona che aveva stuprato. Questo era quello che sperava di fare Filippo Melodia, che il 26 dicembre 1965 rapì Franca Viola, allora diciassettenne, per poi tenerla segregata per otto giorni e violentarla più volte.

Viola è nata ad Alcamo, in Sicilia, in una famiglia di agricoltori. Prima del rapimento e dello stupro era stata fidanzata con Melodia, ma il fidanzamento era stato sciolto con l’intervento del padre della ragazza, Bernardo Viola, quando Melodia, nipote di un mafioso, era stato arrestato per furto e appartenenza a una banda mafiosa. Per questo, ancora prima del rapimento, la famiglia aveva subito una serie di minacce oltre all’incendio della propria vigna.

Franca Viola il 5 gennaio 1967 (ANSA/CS)

Il giorno del rapimento Melodia entrò a casa della famiglia Viola insieme a dodici altri uomini, che aggredirono la madre di Viola e rapirono sia lei che suo fratello di 8 anni, Mariano, lasciato libero poco dopo. Il primo gennaio 1966 Bernardo Viola fu contattato dai parenti di Melodia per organizzare un incontro in cui mettersi d’accordo sul matrimonio di Franca Viola con il suo stupratore. I genitori della ragazza si misero d’accordo con la polizia e fecero finta di accettare il matrimonio riparatore per scoprire dove fosse tenuta la figlia: il giorno dopo la polizia fece irruzione nella casa in cui era prigioniera per liberarla e arrestare Melodia.

Franca Viola e la sua famiglia rifiutarono il matrimonio riparatore e per questo Filippo Melodia fu processato, a Trapani, nel dicembre del 1966. Intanto la storia era diventata nota a livello nazionale e seguita da tutti i quotidiani. Il pubblico ministero chiese 22 anni di carcere per Melodia. Gli avvocati della difesa provarono a screditare Viola dicendo che era consenziente alla “fuga d’amore”; il fatto che probabilmente avesse avuto rapporti sessuali anche prima del rapimento fu considerato un elemento a favore di questa tesi. Un’altra cosa sostenuta dalla difesa era che l’articolo 544 favorisse le donne e in generale le coppie giovani, perché all’epoca era difficile sposarsi senza il consenso dei genitori e quella legge permetteva di farlo senza rischi.

Un articolo sul processo a Filippo Melodia e ai suoi complici pubblicato sulla Stampa il 17 dicembre 1966 (Archivio storico della Stampa)

Alla fine Melodia fu condannato solo a 11 anni, perché le «usanze» furono considerate un’attenuante. La pena fu poi ridotta a 10 anni con l’aggiunta di due anni di soggiorno obbligato nei pressi di Modena, in Emilia-Romagna. Proprio a Modena Melodia fu ucciso il 13 aprile 1978, due anni dopo essere uscito dal carcere. Franca Viola invece si sposò nel 1968 con Giuseppe Ruisi: la coppia ebbe due figli. Viola vive tuttora ad Alcamo.

La storia di Viola ispirò un film, La moglie più bella (1970) di Damiano Damiani, con Ornella Muti nel ruolo della protagonista.

Mostra commenti ( )