• Italia
  • lunedì 8 gennaio 2018

Ci sono delle novità sulle sigarette elettroniche

I liquidi di ricarica (con o senza nicotina) diventano Monopolio di Stato: ci sarà un gran aumento dei prezzi

TOLGA AKMEN/AFP/Getty Images

Dal primo gennaio 2018 è entrato in vigore un nuovo regolamento che prevede che i liquidi utilizzati per ricaricare le sigarette elettroniche rientrino tra i Monopoli di Stato, così come lo sono già il tabacco tradizionale e i superalcolici.

Le misure introdotte comprendono nuove norme e tassazioni: sono state stabilite nei mesi scorsi con un emendamento al decreto fiscale presentato da Simona Vicari di Alternativa Popolare, e poi con un successivo emendamento del governo alla legge di bilancio; poi sono state confermate da due sentenze della Corte costituzionale. Nell’ultima versione dell’emendamento alcune norme sono state ammorbidite e altre eliminate rispetto a una prima, rigida versione che era stata molto contestata da consumatori e produttori di sigarette elettroniche, oltre che dal Movimento 5 Stelle.

Concretamente, le misure comporteranno un aumento dei prezzi dei prodotti collegati alle sigarette elettroniche: è stata introdotta una tassa di 0,37 euro per ogni millilitro di liquido di ricarica, con o senza nicotina. Tenendo conto dell’IVA, significa che i flaconi di ricarica da 10 millilitri – che durano pochi giorni ai consumatori abituali – costeranno tra i 4,50 e i 5 euro in più. Da aprile, poi, i rincari interesseranno anche il prodotto utilizzato da molti consumatori di sigarette elettroniche per prodursi da soli il liquido di ricarica: il glicerolo, che secondo il Corriere della Sera passerà da circa 20 euro al litro a 450 euro soltanto di tasse. In molti hanno protestato perché questi prodotti sono venduti anche in farmacia e in erboristeria, visto che vengono usati per molte preparazioni alimentari e cosmetiche, ma non subiranno questo tipo di tassazione.

Molti consumatori si stanno affrettando quindi a fare scorta di questi liquidi, che però non possono più essere venduti online in Italia. Inizialmente l’emendamento aveva previsto che i liquidi potessero essere venduti soltanto in tabaccheria, e non nei negozi specializzati: nell’ultima versione queste limitazioni sono state eliminate. I negozi specializzati potranno continuare a venderli, ma dovranno avere l’autorizzazione del Monopolio.

Le nuove tasse dipendono dalla volontà di equiparare le sigarette elettroniche al tabacco da combustione tradizionale, e da quella di recuperare i mancati introiti delle tasse sulle sigarette tradizionali che chi fuma le sigarette elettroniche ha smesso di comprare. Secondo i giornali si applicheranno retroattivamente per le aziende, anche se non è chiaro in che modo sarà applicata la tassazione sui liquidi già venduti: si parla con toni allarmistici di centinaia di milioni di euro da raccogliere, ma sembra probabile che la questione verrà chiarita meglio dal governo in futuro. Le stime riportate dai giornali parlano di 2mila negozi e 30mila persone impiegate nel settore delle sigarette elettroniche, che potrebbero subire conseguenze economiche gravi dalle nuove tassazioni.

Mostra commenti ( )