• Mondo
  • martedì 2 gennaio 2018

Il direttore del New York City Ballet, Peter Martins, è andato in pensione dopo le accuse di molestie sessuali

Peter Martins, il direttore del New York City Ballet – la più prestigiosa compagnia di balletto di New York, fondata dal coreografo George Balanchine, dall’uomo d’affari Lincoln Kirstein e dal direttore d’orchestra Leon Barzin nel 1948 – è andato in pensione dopo 30 anni in carica in seguito a numerose accuse di molestie sessuali e abusi sia fisici che verbali. Martins, che ha 71 anni, ha annunciato la sua decisione in una lettera al Consiglio di amministrazione del balletto, in cui nega tutte le accuse.

Martins si era già preso una pausa da ogni incarico a inizio dicembre: la società aveva aperto un’indagine dopo che cinque ballerini del New York City Ballet lo avevano accusato di abusi e molestie che risalivano al 1993. Più recentemente altri 24 ex ballerini e ballerine hanno confermato il clima intimidatorio instaurato da Martins, che avrebbe danneggiato la loro carriera, umiliandoli con commenti sul loro corpo e la loro bravura, e sfruttando il suo potere per avere rapporti sessuali. La società ha affidato la sua direzione a una squadra di quattro persone e avviato la ricerca del sostituto di Martins.

Peter Martins nel 2011 (AP Photo/Evan Agostini, File)