• Cultura
  • giovedì 28 dicembre 2017

Le foto della “battaglia degli infarinati” di Ibi

Nella città spagnola ogni anno viene simulato un colpo di stato e si lotta per ristabilire l'ordine tirandosi addosso farina e uova

La battaglia degli infarinati di Ibi, in Spagna, il 28 dicembre 2017 (JAIME REINA/AFP/Getty Images)

Anche quest’anno a Ibi, che si trova in Spagna vicino ad Alicante, c’è stata la battaglia degli infarinati. È una tradizione che esiste da 200 anni e prevede che gli abitanti della città si dividano in due gruppi: uno è quello degli Enfarinat (gli infarinati), che simula un colpo di Stato; l’altro cerca invece di restaurare l’ordine. La battaglia tra le due fazioni viene fatta utilizzando farina e uova e le immagini dell’evento sono sempre belle da vedere: quest’anno il fotografo Antonio Gibotta ha vinto il secondo premio del World Press Photo nella categoria Persone grazie alle foto scattate l’anno scorso durante la battaglia.

La festa è parte delle celebrazioni collegate al giorno della Strage degli innocenti, il giorno in cui secondo il Vangelo il re della Giudea, Erode, ordinò il massacro di tutti i bambini allo scopo di uccidere Gesù. Inizia alle 8 di mattina, quando gli Enfarinat invadono la città, la conquistano ed eleggono un sindaco che stabilisce le regole da rispettare durante la giornata. Termina poi alle 17 con una danza tradizionale: nel mezzo ci sono farina, acqua e tante uova rotte. Durante il giorno alcuni partecipanti entrano nelle attività commerciali a chiedere il pagamento di una tassa (che viene realmente pagata) e il denaro raccolto viene poi devoluto in beneficenza. Nell’edizione di quest’anno c’erano anche delle bandiere catalane e un partecipante travestito dall’ex presidente della Catalogna Carles Puigdemont.

Mostra commenti ( )