• Italia
  • giovedì 14 dicembre 2017

L’indagine per l’istigazione al suicidio di Tiziana Cantone è stata archiviata

La 31enne campana si era uccisa nel settembre del 2016 dopo la diffusione online di alcuni suoi video privati

Il gip del Tribunale di Napoli Nord ha archiviato l’indagine per istigazione al suicidio aperta dopo la morte di Tiziana Cantone, la 31enne campana che si uccise nel settembre del 2016 dopo che alcuni suoi video privati, che la mostravano mentre faceva sesso, erano stati diffusi su internet. Già lo scorso aprile erano state archiviate le indagini contro cinque persone: quattro erano state denunciate direttamente da Cantone per diffamazione, e la quinta era il padre di uno di loro. A questi quattro uomini la stessa Cantone, tra dicembre 2014 e gennaio 2015, aveva mandato via WhatsApp delle fotografie in cui appariva in costume da bagno o a seno nudo e dei video di atti sessuali. Anche se durante gli atti ripresi nei video Cantone era consenziente, non aveva acconsentito alla loro diffusione online.

Rimane ancora aperta l’indagine della Procura di Napoli su Sergio Di Palo, ex fidanzato di Cantone, per il quale si ipotizza il reato di calunnia: spiega Repubblica che «gli inquirenti ipotizzano che sia stato lui a convincere la ragazza a querelare i cinque e a indicarli come i responsabili della diffusione on-line dei video incriminati». Nei mesi in cui si è svolta l’indagine per istigazione al suicidio, invece, non sono state trovate prove sufficienti a carico dei cinque indagati, né di altri: lo scorso febbraio lo smartphone di Cantone era stato sbloccato, ma al suo interno non erano stati ritrovati conversazioni o file incriminanti per gli indagati.

Il funerale di Tiziana Cantone, 15 settembre 2016 (ANSA/ CIRO FUSCO)