• Sport
  • martedì 5 dicembre 2017

La Russia è stata esclusa dalle prossime Olimpiadi invernali in Corea del Sud

Per via del programma di stato per imbrogliare a Sochi 2014: gli atleti potranno comunque partecipare come “Atleti olimpici dalla Russia”

Il Comitato Olimpico russo a Mosca. (KIRILL KUDRYAVTSEV/AFP/Getty Images)

Il Comitato Olimpico Internazionale ha annunciato questa sera che la Russia non potrà partecipare alle Olimpiadi invernali del 2018 a Pyeongchang, in Corea del Sud, che si terranno il prossimo febbraio. La decisione è stata presa in seguito alle indagini sui casi di doping emersi durante le precedenti Olimpiadi invernali ospitate proprio dalla Russia a Sochi nel 2014, che avevano scoperto un complesso e organizzato programma di stato volto a somministrare sostanze dopanti agli atleti della propria nazionale.

Gli atleti russi si potranno comunque iscrivere ai prossimi giochi invernali, a patto di dimostrare di non avere avuto problemi di doping: parteciperanno però come “Atleti olimpici dalla Russia”. In precedenza era già stata decisa l’esclusione della Russia dalle Paralimpiadi invernali.

Il presidente del Comitato Olimpico Internazionale Thomas Bach ha detto che questa decisione «dovrebbe tirare una riga» su quello che ha definito «un attacco senza precedenti ai Giochi olimpici e allo sport». A causa delle indagini sul doping russo di Sochi, la Nazionale russa era già stata parzialmente esclusa dalle Olimpiadi di Rio de Janeiro del 2016, e completamente dalle Paralimpiadi. Il Comitato Olimpico Internazionale ha anche deciso di escludere il vice primo ministro e ministro dello Sport russo Vitaly Mutko dall’organizzazione di tutte le future Olimpiadi. Mutko è a capo dell’organizzazione dei Mondiali di calcio del 2018, che si terranno in Russia.

Le indagini sul programma russo di doping sono durate mesi e sono state coordinate dall’Agenzia Mondiale Antidoping (o WADA, dal suo nome inglese), ed erano state sostenute dalle rivelazioni da Grigory Rodchenkov, l’ex direttore dei laboratori russi per i controlli antidoping, che supervisionò gli esami degli atleti per le Olimpiadi invernali di Sochi. Secondo quanto sostenuto da Rodchenkov, la Russia voleva sfruttare il fatto di essere la nazione ospitante delle Olimpiadi per controllare i risultati dei test antidoping. Rodchenkov ha detto di aver obbedito agli ordini del ministro dello Sport russo, che voleva «vincere a ogni costo», e di aver impedito che alcuni importanti atleti russi dopati venissero scoperti. Rodchenkov collaborò con gli agenti del FSB, il servizio di intelligence russo, per sostituire i campioni di urina degli atleti dopati con boccette pulite, dopo che l’FSB trovò il modo di richiuderle ripristinando il sigillo in modo che sembrassero intatte.

Il rapporto ufficiale, coordinato dall’avvocato canadese Richard McLaren, era stato pubblicato nel luglio del 2016 e aveva stabilito «oltre ogni ragionevole dubbio» che il ministero dello Sport, l’agenzia nazionale antidoping e i servizi segreti russi avevano organizzato e attuato un sistema per imbrogliare ai test antidoping, non solo alle Olimpiadi di Sochi, ma anche ai Mondiali di Atletica su Pista del 2013 e ai Mondiali di nuoto del 2015. Il rapporto sosteneva inoltre che i laboratori antidoping russi avevano cominciato a nascondere campioni di urina da prima delle Olimpiadi del 2012 di Londra, e che la Russia imbrogliò «nella grande maggioranza degli sport». In tutto il rapporto stabilì che circa 1000 atleti di 30 sport diversi beneficiarono del programma.

Mostra commenti ( )