• Mondo
  • martedì 14 novembre 2017

Il partito di governo dello Zimbabwe ha accusato il capo dell’esercito di “condotta sovversiva”

Il partito di governo dello Zimbabwe (Zanu-PF, guidato dal presidente Robert Mugabe) ha accusato il capo dell’esercito, il generale Costantino Chiwenga, di “condotta sovversiva”. L’accusa è arrivata dopo che, il 13 novembre, l’esercito dello Zimbabwe ha minacciato un intervento militare per fermare le persecuzioni interne al partito di governo. Nelle ultime ore alcuni veicoli dell’ esercito erano stati visti mentre si spostavano verso Harare, la capitale del paese. Mugabe ha 93 anni e guida il paese dal 1980, anno dell’indipendenza dal Regno Unito.

 

 

 

 

(JEKESAI NJIKIZANA/AFP/Getty Images)