• Cultura
  • venerdì 10 novembre 2017

Le accuse di molestie sessuali contro Louis CK

Cinque donne hanno raccontato al New York Times che anni fa si masturbò davanti a loro; lui ha confermato

(Mike Coppola/Getty Images)

Cinque donne hanno accusato il comico americano Louis CK, uno dei più famosi e apprezzati del mondo, di averle molestate sessualmente più di dieci anni fa, confermando voci che circolavano da anni nel mondo dello spettacolo e su alcuni siti specializzati. Le donne hanno deciso di parlare al New York Times delle molestie subite da Louis CK dopo le molte denunce arrivate nelle scorse settimane da attrici e altre donne prima contro il produttore Harvey Weinstein e poi contro altre personalità dello show business, del giornalismo e della politica. Le accuse delle cinque donne, che sono tutte comiche, sono simili: Louis CK si sarebbe masturbato davanti a loro, senza il consenso delle donne oppure ottenendolo sfruttando la sua posizione di potere.

Nella serata di venerdì, CK ha ammesso in un comunicato che le accuse nei suoi confronti sono vere. CK ha scritto: «Queste storie sono vere. Al tempo, mi ero detto che quello che avevo fatto era ok, perché non avevo mai mostrato il pene a una donna senza prima chiedere il permesso, cosa che è anche vera. Ma più avanti nella vita ho capito, comunque troppo tardi, che quando sei in una posizione di potere chiedere loro di guardare il tuo pene non è una domanda. Per loro è un’imposizione. Il potere che avevo su queste donne era che loro mi ammiravano. E io ho usato irresponsabilmente questo potere». CK ha detto che ora è consapevole delle sue azioni. Ha aggiunto di essere dispiaciuto e di poter solo immaginare il dolore che ha causato. Alla fine del comunicato, ha scritto: «Ho passato la mia lunga e fortunata carriera dicendo e parlando di tutto quello che volevo. Ora farò un passo indietro e mi prenderò un bel po’ di tempo per ascoltare».

Le accuse contro Louis CK – famoso, oltre che per i suoi spettacoli di stand up, per la serie Louie – hanno generato un’attenzione particolare negli Stati Uniti, visto che è considerato da molti il comico più talentuoso della sua generazione, e visto che nei suoi spettacoli ha sempre parlato con molta schiettezza della sua sessualità e del suo rapporto con la masturbazione. Per molti, Louis CK è femminista, per i temi e le posizioni espresse nei suoi spettacoli, famosi per affrontare argomenti delicati e a volte tragici in modo provocatorio e dissacrante. Louis CK, nell’opinione comune, era uno dei pochissimi comici in grado di fare ridere su qualsiasi argomento, per via del suo grande talento. Poco prima che il New York Times pubblicasse il pezzo sulle accuse di molestie, Louis CK ha annullato la prima di I Love You Daddy, il suo ultimo film, che parla di una ragazza molto giovane che si innamora di un uomo molto vecchio, e una sua apparizione al “Late Show With Stephen Colbert”. Giovedì, alle diverse richieste del New York Times di rispondere alle accuse, il suo agente Lewis Kay ha rifiutato.

Le comiche Dana Min Goodman e Julia Wolov hanno raccontato che nel 2002 si esibirono al U.S. Comedy Arts Festival di Aspen, Colorado: per loro era una grande occasione, visto che erano all’inizio della loro carriera, e dopo lo spettacolo accettarono l’invito di Louis CK di andare a bere una cosa nella sua stanza, visto che i bar erano chiusi. Goodman e Wolov hanno raccontato che non erano preoccupate: ammiravano CK, volevano festeggiare ed erano insieme. Entrate nella stanza, ancora con indosso il cappotto, CK chiese loro se poteva tirare fuori il pene. Loro pensarono stesse scherzando, «ma poi lo fece davvero. Si tolse tutti i vestiti, rimase nudo, e cominciò a masturbarsi», ha raccontato Goodman al New York Times.

Louis CK durante uno spettacolo a New York nel novembre 2016 (Kevin Mazur/Getty Images for The Bob Woodruff Foundation)

Le due donne rimasero incredule, tenendosi per mano e ridendo e urlando per lo shock mentre CK si masturbava su una sedia. «Eravamo paralizzate», ha detto Goodman. Quando CK ebbe finito, se ne andarono. Il giorno dopo lui le chiamò: «Era tipo, chi di voi è Dana e chi è Julia?». Goodman e Wolov decisero di non andare dalla polizia, perché non sapevano se quello che era successo fosse un reato, ma cominciarono a raccontare la storia a colleghi del mondo della comicità. Ma «le persone ci voltavano le spalle. Potevamo già percepire le reazioni negative». Nel 2002, Louis CK era già un comico affermato, anche se non aveva ancora la fama che avrebbe raggiunto una decina di anni dopo. A essere forse più potente di lui era Dave Becky, il suo agente, che rappresenta anche tra gli altri Kevin Hart, Aziz Ansari e Amy Poehler. Goodman e Wolov raccontarono all’accaduto al loro agente, che parlò con Becky. Al New York Times, Becky ha negato che all’epoca possa aver minacciato le due comiche, che però hanno detto che ebbero l’impressione che le stesse avvertendo di non parlare dell’accaduto. Goodman e Wolov in seguito ritennero di non partecipare mai a progetti in cui fosse coinvolto Becky.

La storia delle due comiche era quella che era circolata di più negli scorsi anni, soprattutto dopo articoli dei siti DefamerGawker. Le donne non erano però mai state identificate, né loro avevano denunciato CK, che aveva sempre scelto di non commentare le accuse. L’ultima volta che gliene era stato chiesto conto era stato lo scorso settembre, durante un’intervista del New York Times precedente al caso Weinstein.

Abby Schachner, un’altra comica e illustratrice, ha raccontato che nel 2003 chiamò Louis CK per invitarlo a un suo spettacolo. Lui spostò subito la conversazione sul piano personale, in modo «non professionale», dicendole che la trovava carina. Poi cominciò a raccontarle le sue fantasie sessuali, ansimando al telefono: la chiamata proseguì per diversi minuti, anche se Schachner ha detto che non incoraggiò CK. Non sapeva neanche come terminarla, però, perché «vuoi credere che non stia accadendo davvero».

La comica Rebecca Corry ha raccontato al New York Times che nel 2005 stava lavorando all’episodio pilota di una serie tv, come attrice e come produttrice. Un giorno Louis CK, che partecipò all’episodio come ospite, le si avvicinò e le chiese se potessero andare nel camerino così che potesse masturbarsi davanti a lei. Corry rifiutò, stupita e arrabbiata, e gli ricordò che aveva una figlia e una moglie, incinta. Lui arrossì e le disse: «ho dei problemi».

Il Paris Theatre di New York, dove ieri avrebbe dovuto esserci la prima del nuovo film di Louis CK, cancellata alla notizia che sarebbe uscito l’articolo del New York Times (Dia Dipasupil/Getty Images)

Una quinta donna che ha parlato in condizioni di anonimità, per proteggere la privacy della sua famiglia e perché non è mai stata collegata pubblicamente a quest’episodio, ha raccontato che alla fine degli anni Novanta, durante le riprese del Chris Rock Show, al quale CK lavorò come autore e produttore, il comico le chiese ripetutamente di guardarlo mentre si masturbava. Lei aveva poco più di vent’anni e accettò, anche se poi si pentì della sua scelta: «Era una cosa che sapevo essere sbagliata». Ha raccontato che CK si masturbò nel suo ufficio, alla scrivania, durante una normale giornata di lavoro e con i colleghi subito fuori. «Credo che il motivo principale per cui dissi sì fu la cultura. Ha abusato del suo potere». Una collega della donna ha confermato che le raccontò l’accaduto.

Nonostante non abbia mai risposto in pubblico a queste accuse, che comunque fino a ieri erano rimaste confinate a pochi siti specializzati e all’ambiente dello spettacolo americano, CK scrisse per scusarsi ad alcune delle donne che lo hanno poi accusato di molestie. Nel 2009 scrisse in un messaggio su Facebook a Schachner – che il New York Times ha potuto vedere – per dirle che «l’ultima volta che ci siamo parlati è finita in modo osceno. Era un brutto periodo della mia vita, e mi dispiace». Aggiunse di aver pensato di essere «una persona ripugnante per come mi comportai», e le disse anche che aveva visto i suoi lavori e che li trovava divertenti. Schachner accettò le scuse e lo perdonò, ma ha spiegato che l’episodio la lasciò sconsolata, e fu uno dei motivi per cui non cercò una carriera nella comicità.

Nel 2015, subito dopo che circolarono le prime voci sulle accuse di molestie, CK scrisse un’email a Corry per dirle che le doveva una «scusa molto molto molto tardiva». Poi le telefonò per scusarsi di averla spinta in un bagno, e Corry gli disse che in realtà non lo aveva fatto, ma aveva insistito per masturbarsi davanti a lei. Con una voce tremante, CK lo ammise e le disse che all’epoca «fraintendevo le persone».

Nonostante le voci, negli anni nessuno aveva accusato CK, secondo molti per il suo potere nel mondo dello spettacolo americano. L’unica comica che lo aveva denunciato apertamente fu Tig Notaro, comica famosa per i suoi spettacoli e per la serie di Amazon One Mississippi, che è stata prodotta proprio da CK. Notaro, che non ha subito direttamente le molestie di CK, ha raccontato di averle scoperte grazie a testimonianze soltanto dopo aver lavorato con il comico. Ha detto al New York Times di essere preoccupata che abbia lavorato con lei per ripulirsi la reputazione, sostenendo una donna.

Dopo l’articolo del New York Times, il network HBO ha annullato la partecipazione di Louis CK a uno speciale di beneficenza intitolato “Night Of Too Many Stars”, e ha rimosso i suoi lavori dal suo servizio di streaming. Netflix ha invece annunciato che, considerato il “comportamento di Louis CK”, non produrrà il secondo special in programma con lo spettacolo di stand-up del comico.

Mostra commenti ( )