Il Senato ha approvato il Rosatellum

La nuova legge elettorale è stata approvata definitivamente: hanno votato a favore tutti i partiti della maggioranza, più Forza Italia e Lega Nord

(ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Oggi il Senato ha definitivamente approvato il Rosatellum che è diventato ufficialmente la nuova legge elettorale. Il voto è passato con 214 voti a favore, mentre 61 senatori hanno votato No. Hanno votato Sì alla legge i partiti della maggioranza PD e Alternativa-Popolare, oltre a Forza Italia Lega Nord e ALA-Scelta Civica, il gruppo del senatore Denis Verdini. Hanno votato contro Movimento 5 Stelle, Articolo 1-MDP e Sinistra Italia-Possibile.

Il Rosatellum ha introdotto nel nostro paese un sistema elettorale misto proporzionale maggioritario. Circa un terzo dei seggi tra Camera e Senato sarà eletto in scontri diretti all’interno di collegi uninominali. I due terzi rimanenti saranno invece eletti con un sistema proporzionale. Non sarà possibile il voto disgiunto: significa che si potrà quindi votare soltanto il candidato al collegio uninominale e una delle liste che lo appoggiano (se viene barrata la casella di un candidato al collegio uninominale e la casella di una lista diversa da quelle che lo appoggiano, il voto sarà annullato). Qui trovate una spiegazione completa del funzionamento della legge.

Ieri il Senato aveva approvato 5 articoli della legge con voto di fiducia, un espediente tecnico che è servito a rendere più rapide le procedure di approvazione. Alle votazioni con la fiducia non hanno partecipato Forza Italia e Lega Nord, che sono favorevoli alla legge, ma sono all’opposizione del governo. I senatori dei due partiti, però, sono usciti dall’aula, abbassando così il numero di voti necessari a far passare la legge e aiutando così la maggioranza a far passare i voti di fiducia. In alcune votazione è stato determinante l’appoggio di ALA-Scelta Civica, un gruppo esterno alla maggioranza di governo, ma che ha sempre votato a suo favore. Per protestare contro l’uso della fiducia il Movimento 5 Stelle ha organizzato una manifestazione di protesta davanti al Pantheon a cui hanno partecipato decine di persone.

Il Rosatellum è accusato dal Movimento 5 Stelle di essere pensato per ostacolarli, poiché prevede collegi uninominali (dove vanno bene i candidati forti e conosciuti sul territorio, di cui il Movimento non dispone in gran numero) e perché incentiva le coalizioni, che il Movimento 5 Stelle non vuole fare. La legge è anche criticata perché non prevede le preferenze, cioè non si potrà scegliere il nome del parlamentare a cui destinare il proprio voto. Sulla scheda, però, saranno presenti i nomi di tutti i candidati che riceveranno il voto degli elettori (saranno dai tre ai cinque nomi, uno per il collegio nominale e fino a quattro nel listino proporzionale). All’epoca della vecchia legge elettorale, il cosiddetto “Porcellum”, sulla scheda non erano presenti i nomi dei candidati.

La legge è stata anche molto criticata perché è stata approvata tramite voto di fiducia, sia alla Camera che al Senato. Porre la questione di fiducia su una legge elettorale è considerato un gesto politicamente inopportuno, anche se formalmente non ci sono leggi o regole che lo impediscono. Il principio che lo sconsiglia è che la sorte di un governo non dovrebbe essere legata a una materia di competenza tipicamente parlamentare come la legge elettorale. In passato, lo strumento della fiducia è stato usato altre due volte per approvare una legge elettorale nazionale. La prima, dalla Democrazia Cristiana nel 1953; la seconda dal governo Renzi per approvare l’Italicum. Un altro comportamento ritenuto scorretto è quello di approvare una legge elettorale senza coinvolgere nessuna parte dell’opposizione, poiché così facendo la legge approvata potrebbe essere scritta proprio per sfavorire gli avversari che non sono in maggioranza: ma anche questo è già capitato in passato.

Mostra commenti ( )