La Camera ha approvato una mozione del PD che chiede al governo di cambiare il governatore della Banca d’Italia

La Camera dei Deputati ha approvato con 213 voti a favore, 97 contrari e 99 astenuti una mozione del Partito Democratico che chiede implicitamente al governo di scegliere un nuovo governatore per Banca d’Italia, la banca centrale italiana. Nello specifico, la mozione chiede che il governo si impegni «ad adottare ogni iniziativa utile a rafforzare l’efficacia delle attività di vigilanza sul sistema bancario ai fini della tutela del risparmio e della promozione di un maggiore clima di fiducia dei cittadini, individuando a tal fine, nell’ambito delle proprie prerogative, la figura più idonea a garantire nuova fiducia nell’Istituto».

La mozione non cita esplicitamente Ignazio Visco, attuale governatore in carica dal 2011 e il cui mandato scade a fine ottobre: ma in pratica il PD chiede che il governo non ne confermi la nomina. Il segretario del PD Matteo Renzi da tempo sembra essere contrario alla permanenza di Visco come governatore di Banca d’Italia, e lo ha spesso criticato per la gestione delle diverse crisi che hanno coinvolto banche italiane. Nella mozione, infatti, si cita come motivazione il fatto che «l’efficacia dell’azione di vigilanza della Banca d’Italia è stata, in questi ultimi anni, messa in dubbio dall’emergere di ripetute e rilevanti situazioni di crisi o di dissesto di banche». Forza Italia e MDP si sono astenuti, mentre Sinistra Italiana, Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia hanno votato contro.

Ignazio Visco. (ANSA/CLAUDIO PERI)