Kazuo Ishiguro ha vinto il premio Nobel per la Letteratura

"Per avere rivelato l’abisso al di sotto del nostro senso illusorio di connessione col mondo, in romanzi di grande forza emotiva"

Kazuo Ishiguro ha vinto il premio Nobel per la Letteratura 2017: lo ha annunciato questa mattina l’Accademia Svedese dei Nobel. Kazuo Ishiguro, contattato dalla BBC, ha commentato l’assegnazione del Nobel per la Letteratura dicendo che è «un magnifico onore, soprattutto perché significa che sto seguendo le orme dei più grandi scrittori di sempre. Il mondo sta attraversando un momento difficile e spero che tutti i premi Nobel siano una forza in qualche modo positiva per il tempo di adesso. Sarei profondamente commosso nel contribuire in qualche modo a un’atmosfera positiva, in tempi così incerti». Ishiguro è stato premiato “per avere rivelato l’abisso al di sotto del nostro senso illusorio di connessione col mondo, in romanzi di grande forza emotiva”. “Se si mettono insieme Jane Austen e Franz Kafka, ecco in nuce Kazuo Ishiguro, a cui però va aggiunto un po’ di Marcel Proust. Poi si mescola un po’ ma non troppo, ed ecco i suoi romanzi”, ha aggiunto Sara Danius, segretaria permanente dell’Accademia dei Nobel.

Kazuo Ishiguro è uno scrittore giapponese naturalizzato britannico, nato a Nagasaki l’8 novembre del 1954 e trasferitosi in Regno Unito con la famiglia a sei anni. Scrive in inglese ed è famoso soprattutto per Quel che resta del giorno del 1989, con cui vinse il Booker Prize e da cui nel 1993 venne tratto l’omonimo film di James Ivory, con Anthony Hopkins. Il romanzo è raccontato dal punto di vista del maggiordomo di una vecchia magione inglese durante la Seconda guerra mondiale, che si confronta con il significato della lealtà, dell’amore, dell’integrità e della tradizione. L’aspetto più significativo è il rapporto con la governante, Miss Kenton, più volte sul punto di diventare una storia sentimentale. Michiko Kakutani, la celebre critica letteraria del New York Times, lo definì «un romanzo intricato e abbacinante».

Tra i suoi romanzi più importanti ci sono Un artista del mondo fluttuante (An Artist of the Floating World) e la science fiction distopica Non lasciarmi (Never Let Me Go), da cui venne tratto un film con lo stesso titolo, diretto da Mark Romanek.

Nel 2015 è uscito il suo settimo e ultimo romanzo, Il gigante sepolto (The Buried Giant), un testo mitologico ispirato ai lavori di Tolkien, con orchi, draghi, giganti e scene di violenza, pubblicato in Italia da Einaudi come tutte le sue opere. Ishiguro è considerato insieme a Salman Rushdie e Hanif Kureishi, rispettivamente di origine indiana e pakistana, uno degli autori che pur non essendo nati in Regno Unito e di madrelingua inglese hanno rinnovato più di tutti la letteratura britannica, introducendo nuovi elementi stilistici e sensibilità dei paesi da cui provengono. I suoi libri sono stati tradotti in più di 40 lingue. A proposito del suo stile, James Wood, l’autorevole critico letterario del New Yorker, scrisse che «ha una prosa di provocante equilibrio, piatta come l’orizzonte del mare ma dove si agitano profondità nascoste. Evita ornamenti ed eccessi e sembra apprezzare cliché, banalità, episodi scialbi e un’atmosfera con una strana calma diffusa, la cui mite presenza sembra irreale e minacciosa».

Ishiguro ha scritto tutti i suoi romanzi, molti dei quali ambientati nel passato, in prima persona. I primi due sono ambientati in un Giappone «immaginario», ha spiegato, modellato su un’idea che si era costruito nella sua testa mentre viveva e cresceva in Regno Unito. Ishiguro infatti lo visitò per la prima volta  nel 1989, 30 anni dopo essersene andato. Ha più volte detto di non avere molta familiarità con la letteratura e la scrittura giapponese e di essere stato influenzato più dai film che dai libri, in particolare da quelli di Yasujirō Ozu e Mikio Naruse. Nel 1990 disse in un’intervista che se avesse scritto con uno pseudonimo nessuno si sarebbe accorto che era giapponese. Nonostante questo, non si può considerare uno scrittore tipicamente britannico: «Non sono del tutto come gli inglesi, perché sono stato portato qui da genitori giapponesi e vivevo in una casa in cui si parlava giapponese. I miei genitori non capirono da subito che saremmo rimasti qui a lungo e si sentirono in dovere a tenermi in contatto con i valori giapponesi. Ho un background diverso, penso in modo diverso, la mia prospettiva è leggermente diversa».

Salman Rushdie è stato tra i primi a congratularsi: «Complimenti al mio vecchio amico Ish, ammiro e amo il suo lavoro da quando lessi Un pallido orizzonte di colline. In più suona la chitarra e scrive canzoni. Bob Dylan, scostati», ha scritto, alludendo alle polemiche per l’assegnazione del Nobel per la Letteratura a Bob Dylan, l’anno scorso.