Il processo contro la persona sbagliata è ricominciato da capo

L'uomo che da quasi un anno e mezzo si trova in carcere a Palermo, e che secondo molte credibili versioni sarebbe vittima di uno scambio di persona, ha parlato per la prima volta in tribunale

«Questo non è il mio nome, questo non è il mio cognome. Questa non è la mia identità». L’uomo che da quasi un anno e mezzo si trova in carcere a Palermo con l’accusa di essere uno dei più pericolosi trafficanti di esseri umani, e che secondo molte credibili versioni sarebbe invece vittima di uno scambio di persona, ha parlato per la prima volta in tribunale a Palermo martedì 3 ottobre: «State accusando l’uomo sbagliato. Tutto questo è assurdo».

Di questa storia si era parlato molto nei mesi scorsi, anche e soprattutto sui giornali internazionali. A luglio il New Yorker aveva pubblicato un articolo molto approfondito (che il Post aveva raccontato qui) che metteva in fila le moltissime prove che sostengono la versione dell’imputato sbagliato. Riassumendo: il 24 maggio del 2016 in Sudan era stato arrestato un uomo che era stato estradato in Italia il 7 giugno e rinviato a giudizio lo scorso settembre. L’uomo sarebbe però Medhanie Tesfamariam Berhe, eritreo di 30 anni, e non Medhanie Yehdego Mered, uomo di 36 anni originario dell’Eritrea accusato di essere uno dei capi di una grande organizzazione con base in Libia che gestisce il traffico di migranti verso l’Europa, e coinvolto nei viaggi di almeno 13 mila persone. Nel giugno del 2016 il ministero dell’Interno italiano e la National Crime Agency del Regno Unito avevano annunciato con una certa enfasi l’arresto in Sudan e l’estradizione in Italia di Medhanie Yehdego Mered. I magistrati avevano intercettato per mesi il cellulare di Medhanie Yehdego Mered raccogliendo informazioni sul suo conto e sulle sue attività. Dopo l’arresto i media britannici avevano cominciato ad avere dei dubbi, scrivendo che la persona arrestata e ora sotto processo fosse in realtà Medhanie Tesfamariam Berhe: che non era mai stato in Libia, che non aveva niente a che fare con la presunta rete per il traffico di migranti e che si era dichiarato innocente. Con il trafficante condivideva semplicemente un nome molto comune.

(Un momento del processo all’uomo che la procura considera Medhanie Yehdego Mered e che è accusato del reato di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina presso il tribunale di Palermo, 3 ottobre 2017 – ANSA/FRANCO LANNINO)

Quello che è accusato di essere Mered e che più probabilmente è Berhe, è tuttora detenuto e sotto processo a Palermo. Dal luglio del 2016 e dopo 22 audizioni, il processo ha cambiato giudice quattro volte, l’ultima nel luglio del 2017 quando il collegio della IV sezione penale del tribunale di Palermo aveva dichiarato la propria “incompetenza per materia”, rinviando tutti gli atti, su richiesta del pubblico ministero Calogero Ferrara che aveva seguito l’inchiesta fin dall’inizio, alla sezione della Corte di Assise competente per i reati connessi alla tratta di esseri umani e il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Il processo è così ricominciato e la prima udienza si è tenuta martedì 3 ottobre.

L’avvocato difensore dell’uomo che si trova in carcere, Michele Calantropo, ha portato diverse prove e testimonianze a sostegno della tesi dello scambio di persona, compreso il documento di identità di Berhe autenticato dall’ambasciata eritrea in Italia. E poi ci sono una serie di prove raccolte dalle inchieste giornalistiche: riscontri via Facebook sugli spostamenti dell’uomo che si trova in prigione e che non coincidono con quelli del trafficante, la testimonianza della moglie di Mered che vive in Svezia e che non ha riconosciuto la persona attualmente sotto processo, il passaporto falso con cui il vero trafficante si sarebbe spostato negli ultimi anni (e che al momento dell’arresto di Berhe si trovava secondo le ricostruzioni in un carcere degli Emirati Arabi Uniti).

All’udienza di martedì, che è stata una grande sintesi delle puntate precedenti, l’avvocato Michele Calantropo ha presentato un documento che contiene la trascrizione ufficiale di alcune dichiarazioni fatte nel settembre del 2015 alla polizia olandese dal fratello di Mered, Merhawi Yehdego Mered: a Merhawi è stata mostrata una foto di Mered, la stessa fotografia pubblicata dai procuratori di Palermo nel 2014 che indagavano su Mered. E dalle trascrizioni risulta che Merhawi abbia detto: «Sì, questo è mio fratello». La fotografia non corrisponde a quella dell’uomo in carcere. «Dopo più di un anno», scrive il Guardian, «i procuratori italiani non hanno invece prodotto una sola prova contro l’uomo che hanno accusato».

In aula l’avvocato Calantropo ha anche detto che non intende «contestare il fatto che gli atti del secondo procedimento a carico dell’imputato ci sono arrivati ieri pomeriggio alle cinque del pomeriggio, né che la notifica consegnata al mio cliente, scritta in una lingua che lui non comprende. Non intendiamo neanche sollevare alcun problema di competenza territoriale. E tutto per la celerità nella celebrazione di questo dibattimento». Nel frattempo la procura ha chiesto l’autorizzazione per un’altra perizia fonica di parte che possa mettere a confronto la voce dell’uomo che si trova in carcere con quella registrata durante le intercettazioni del vero trafficante.