• Cultura
  • giovedì 28 settembre 2017

Cosa non perdersi di Internazionale a Ferrara

Comincia il Festival che porta giornalisti di tutto il mondo e lettori di tutta Italia a Ferrara, dove invece perdersi è una meraviglia

Da domani al primo ottobre a Ferrara c’è di nuovo il festival della rivista Internazionale, dedicato a spiegare cosa succede nel mondo e come lo si racconta, e radunare i tanti lettori e fans del giornale. Internazionale ha come tratti editoriali distintivi e unici l’attenzione alle notizie sui paesi che non sono l’Italia e la scelta di offrire soprattutto articoli tradotti dalla stampa straniera: in occasione del festival molti giornalisti provenienti da tutto il mondo vengono in Italia e partecipano a una serie di incontri insieme alla redazione della rivista. Ci saranno anche presentazioni di libri, mostre (ad esempio quella dedicata al World Press Photo 2017), proiezioni di documentari e una rassegna di audiodocumentari: si potranno ascoltare in uno degli imbarcaderi del castello di Ferrara, un ambiente molto suggestivo in cui non è difficile stare in silenzio dai 25 ai 95 minuti insieme a tante altre persone in ascolto.

Tra gli ospiti più famosi di questa edizione ci saranno l’attivista afroamericana Angela Davis, lo scrittore indiano Amitav Ghosh, l’ex presidente del Consiglio Romano Prodi e i fumettisti Guy Delisle e Zerocalcare. Come ogni anno, per il festival il centro di Ferrara sarà affollatissimo, soprattutto di giovani lettori di Internazionale: se non avete ancora prenotato una stanza in albergo, difficile che riusciate a trovare da dormire.

Il programma completo del festival potete leggerlo e scaricarlo qui, ma il Post ha selezionato alcune cose interessanti viste da qui, per ogni giorno.

Venerdì 29 settembre

11.30 – Cinema Apollo
Il peggior nemico dell’informazione. Arresti, licenziamenti e repressione: la guerra di Erdoğan contro i giornalisti
Con il giornalista turco Can Dündar, intervistato dal vicedirettore di Internazionale Jacopo Zanchini. Dündar era il direttore del quotidiano di opposizione Cumhuriyet, poi è stato arrestato e condannato a cinque anni di carcere per avere diffuso segreti di stato relativi a una storia poco chiara sul rifornimento turco di armi e munizioni ai ribelli in Siria: invece di fare appello contro la sentenza si è autoesiliato in Germania.

15.30 – Giurisprudenza
Sulla stessa barca. L’Europa alla ricerca di regole comuni per affrontare la questione dei migranti
Con Marco Bertotto di Medici senza frontiere, Francesco Cherubini dell’Università Luiss Guido Carli Marc Arno Hartwig della Commissione Europea e Karl Hoffmann della tv pubblica tedesca Ard.
Introduce e modera Annalisa Camilli di Internazionale.

16.30 – Teatro Nuovo
Maestri di democrazia. Ricordando il lavoro e il pensiero di Tullio De Mauro
Con gli insegnanti Silvana Loiero, Franco Lorenzoni, Maria Antonietta Marchese e Marco Rossi-Doria.
Introduce e modera Marino Sinibaldi di Rai Radio3.

16.50 – Cortile del Castello
Il corpo delle donne
Con la regista e produttrice canadese Tally Abecassis, le giornaliste britanniche Mona Chalabi e Shereen El Feki, la bioeticista Chiara Lalli, la regista statunitense Mae Ryan e l’attrice e scrittrice britannica Lisa Williamson.
Conduce Anna Maria Giordano.

17.00 – Teatro Comunale
Così diversi, così vicini. L’importanza della cultura per costruire un’identità europea condivisa
Con il giornalista e traduttore svedese Carl Henrik Fredriksson, lo scrittore greco Petros Markaris ed Erminia Sciacchitano della Commissione Europea.
Introduce e modera Andrea Pipino di Internazionale.

19.00 – Sala Estense
Con gli occhi chiusi. Perché non riusciamo a raccontare il cambiamento climatico
Lo scrittore indiano Amitav Ghosh intervistato dalla giornalista Marina Forti.

19.00 – Teatro Nuovo
L’Europa necessaria. Superare incertezza sociale e inquietudine per ridare speranza alle nuove generazioni
Con il sociologo e politologo Ilvo Diamanti e l’economista ed ex presidente del Consiglio Romano Prodi.
Introduce e modera la giornalista di Repubblica Tonia Mastrobuoni.

Sabato 30 settembre

11.00 – Teatro Nuovo
Ricomincio da sinistra. Una risposta progressista ai movimenti populisti
Con Guillaume Duval di Alternatives Economiques, il ministro-presidente della Vallonia Paul Magnette e la politica e saggista francese Christiane Taubira.
Introduce e modera il vicedirettore di Internazionale Jacopo Zanchini.

11.30 – Teatro Comunale
Mosul, una ferita aperta. Accesso incondizionato alle cure e assistenza imparziale sotto scacco
Con Ghaith Abdul-Ahad del Guardian, Caroline Abu-Sada di Medici senza frontiere e la giornalista Francesca Mannocchi.
Introduce e modera Tonia Mastrobuoni di Repubblica.

14.00 – Sala dei Comuni
Il doppio peso dei vaccini. Il mercato della salute tra cartelli e speculazioni
Con Luca Arnaudo dell’Antitrust, l’economista William Lazonick e Rohit Malpani di Medici senza frontiere.
Modera Ilaria Sotis di Rai Radio1.

14.00 – Chiostro di S. Paolo
Piccoli supereroi. Come stanno i bambini in Italia? Mappa dell’infanzia a rischio
Con Giulio Cederna e Valerio Neri di Save the Children e lo scrittore Fabio Geda.
Modera Marino Sinibaldi di Rai Radio3.

14.30 – Palazzo Crema
Versanti sconosciuti. Una conversazione su viaggi, ricerca di sé e rapporti con la propria terra
Con il musicista Vasco Brondi, lo scrittore Paolo Cognetti, premio Strega per Le otto montagne, e Daria Bignardi.

17.00 – Teatro Comunale
Matite appuntite. Da Kobane alla Cecenia, il mondo raccontato a fumetti
Con i fumettisti Guy Delisle, il cui ultimo libro è Fuggire, e Zerocalcare.
Introduce e modera Giorgio Zanchini di Rai Radio1.

17.00 – Teatro Nuovo
Ombre coreane. Cosa si nasconde dietro la facciata della quarta potenza economica asiatica
Con Chang Kyung-Sup dell’Università nazionale di Seul, Anna Fifield del Washington Post e lo scrittore e giornalista sudcoreano Kim Young-ha.
Introduce e modera Junko Terao di Internazionale.

21.00 – Teatro Comunale
È ancora un sogno. La lunga marcia per i diritti civili non si è conclusa
Con l’attivista Angela Davis e la giornalista e filosofa Ida Dominijanni.

Domenica 1 ottobre

10.30 – Sala Estense
Viva la carta! E se il futuro dei giornali non fosse solo online?
Iris Chyi dell’University of Texas dialoga con Giovanni De Mauro, direttore di Internazionale.

11.00 – Chiostro piccolo
A casa nostra. Quando i profughi sono ospitati in famiglia
Con Carlo De Los Rios della Cooperativa Camelot e Daniela Di Capua del servizio Sprar.
Introduce e modera Annalisa Camilli di Internazionale.

12.00 – Sala Estense
Nebbia sulla Manica. Quale sarà il futuro del Regno Unito fuori dall’Unione europea?
Con lo storico britannico John Foot e il giornalista David Randall.
Modera Andrea Pipino di Internazionale.

12.00 – Palazzo Roverella
I soldati delle parole. Il potere del linguaggio per arginare violenza e terrorismo
Con il critico Goffredo Fofi e lo scrittore olandese Frank Westerman.

14.30 – Circolo Arci Bolognesi
Due palle! Critiche e recensioni nelle pagine culturali
Con Piero Zardo e Daniele Cassandro, che si occupano delle pagine di cultura di Internazionale.

16.30 – Teatro Comunale
L’età della rabbia. Populismo xenofobo ed estremismo religioso hanno la stessa origine: la frustrazione dell’occidente in crisi
Con lo scrittore e saggista indiano Pankaj Mishra, il politologo Olivier Roy e Adam Shatz della London Review of Books.
Introduce e modera Marino Sinibaldi di Rai Radio3.

Mostra commenti ( )