La censura funziona, a volte

Nel 2015 Reddit chiuse diversi gruppi pieni di cose offensive e razziste: uno studio ha scoperto che è diventato un posto migliore, dopo

Chiudere gli spazi online dove troll e utenti razzisti pubblicano i loro commenti offensivi può aiutare a combattere lo hate speech su internet, ha scoperto un nuovo studio realizzato da un gruppo di ricercatori della Emory University, del Georgia Institute of Technology e della University of Michigan. Analizzando cosa sia successo dopo la chiusura di due diversi gruppi di Reddit esplicitamente dedicati a raccogliere contenuti offensivi, in un caso contro le persone grasse e nell’altro contro gli stranieri, i ricercatori hanno scoperto che gli utenti che vi scrivevano hanno diminuito dell’80 per cento il volume di hate speech pubblicato successivamente in altri gruppi di Reddit.

Quello dei troll razzisti, omofobi e offensivi su internet è un problema che sostanzialmente nessuno è riuscito a risolvere, online: ci hanno provato e continuano a provarci Facebook, Twitter e YouTube, ma con risultati soltanto parziali, e con metodi – basati generalmente su algoritmi – spesso criticati dagli utenti. I ricercatori dello studio, intitolato “You Can’t Stay Here: The Efficacy of Reddit’s 2015 Ban Examined Through Hate Speech”, hanno deciso di verificare cosa sia successo dopo la chiusura dei subreddit r/fatpeoplehate e r/CoonTown: erano due gruppi dedicati rispettivamente alla condivisione e alla derisione di foto di persone sovrappeso, e ai commenti razzisti nei confronti degli afroamericani (coon in inglese è un termine dispregiativo e offensivo per definire le persone nere). I due subreddit furono chiusi nel 2015 insieme a diversi altri, in un’iniziativa dedicata a contrastare lo hate speech presa dagli amministratori di Reddit.

I ricercatori hanno analizzato circa 100 milioni di post pubblicati nei due subreddit, mettendo insieme una lista dei termini e delle espressioni più utilizzati, e hanno controllato le attività degli utenti che postavano contenuti offensivi dopo la chiusura dei subreddit. L’obiettivo era verificare se si fossero trasferiti su altri gruppi per continuare a pubblicare commenti di hate speech, o se avessero cambiato comportamento, e in generale se Reddit fosse diventato o meno un posto migliore.

La risposta all’ultima domanda è che sì, Reddit lo diventò. Alcuni degli utenti dei due gruppi, infatti, avevano smesso di usare il social network del tutto. Molti altri iniziarono a commentare su altri subreddit ma diminuirono lo hate speech, e non trasformarono i gruppi in cui si erano spostati in posti come quelli da cui arrivavano: secondo lo studio diminuirono dell’80 per cento i contenuti offensivi pubblicati. Secondo i ricercatori, il metodo applicato da Reddit potrebbe adattarsi anche a Facebook e Twitter, che invece solitamente in questi casi tendono a punire i singoli utenti, e che normalmente prendono provvedimenti dopo segnalazioni di altri utenti, invece che per decisioni dall’alto e arbitrarie. Lo studio rimane comunque un po’ incompleto: sia perché Reddit ha migliaia e migliaia di gruppi più piccoli in cui si pubblicano contenuti offensivi, sia perché non ha tenuto conto di quello che hanno fatto altrove su internet dopo la chiusura dei subreddit gli utenti che hanno abbandonato il social network.

Proprio l’arbitrarietà del metodo utilizzato da Reddit – chiudere improvvisamente due subreddit, benché pieni di contenuti offensivi – è però un atteggiamento criticato da moltissimi difensori della libertà d’espressione online, convinti che provvedimenti del genere non siano diversi da una censura. Eric Gilbert, uno dei ricercatori dello studio, ha però spiegato che il sistema di Reddit non ha messo a tacere singoli utenti, né ha bandito singole parole, ma ha chiuso soltanto alcuni dei posti dove gli utenti razzisti e i troll si riunivano, lasciandoli senza il loro ritrovo. Tentativi di censura attiva come quelli di Reddit, in ogni caso, sono stati tentati e sono tuttora tentati dai principali social network, spesso però con effetti opposti a quelli desiderati: punendo chi usa certe parole, senza considerarne il contesto, succede spesso che a essere banditi dai social siano gli utenti che li scrivono per denunciarne l’uso offensivo.