In cosa consiste il “Rosatellum bis”

Il PD ha presentato una nuova proposta per riformare la legge elettorale (e anche i nomi stanno finendo)

(ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

Il PD ha presentato alla commissione Affari costituzionali della Camera una nuova riforma della legge elettorale, ribattezzata “Rosatellum bis”, dal nome del capogruppo alla Camera del PD Ettore Rosato, che aveva già presentato una proposta simile prima dell’estate. È una legge elettorale mista proporzionale-maggioritario, molto simile al Mattarellum, la legge elettorale in vigore tra il 1993 e il 2005.

Nel “Rosatellum bis” il 36 per cento dei seggi viene assegnato con un sistema maggioritario basato su collegi uninominali – cioè collegi in cui ogni partito presenta un solo candidato – mentre il restante 64 per cento viene assegnato con criteri proporzionali (ci saranno quindi 231 seggi alla Camera e 102 al Senato eletti con i collegi). La principale differenza con il sistema attualmente in vigore, che è un proporzionale puro, è la presenza di numerosi collegi uninominali che creerà un incentivo a coalizzarsi tra i vari partiti. Nei collegi uninominali, infatti, verrà eletto il candidato che prende anche un solo voto più dei suoi avversari. Ai partiti politicamente più vicini quindi converrà accordarsi sul candidato da appoggiare in ogni singolo collegio e poi appoggiarlo tutti insieme, come avveniva ai tempi del Mattarellum.

Legge elettorale: infografica

Gli altri dettagli tecnici del Rosatellum prevedono una soglia di sbarramento al 3 per cento per i partiti che si presentano da soli e al 10 per cento per le coalizioni. Non è ammesso il voto disgiunto, cioè votare un candidato al collegio uninominale e una lista diversa da una quelle che lo sostengono. L’elettore quindi avrà un solo voto a disposizione: scegliendo un candidato nel collegio uninominale si voterà automaticamente anche il listino proporzionale della coalizione che lo appoggia. Questi listini saranno corti: avranno al massimo dai 2 ai 4 candidati (con una proporzione di genere che dovrà essere almeno del 60-40 per cento).

Al momento del voto, l’elettore si troverà di fronte a una scheda con il nome del candidato nel collegio uninominale e sotto i simboli dei partiti della coalizione che lo appoggia, ognuno accompagnato dai nomi del listino proporzionale del singolo partito. L’elettore sceglierà il candidato uninominale che preferisce e dovrà barrare il simbolo del partito della coalizione che lo appoggia a cui vuole destinare il suo voto proporzionale. Se decide di barrare soltanto il nome del candidato al collegio uninominale, senza scegliere nessuna delle liste che lo appoggiano, il suo voto sarà distribuito in maniera proporzionale a seconda di quanti voti hanno ricevuto le varie liste della coalizione (significa che, in sostanza, è meglio barrare la propria lista favorita, altrimenti il nostro voto sarà assegnato automaticamente).

L.elettorale: Fiano deposita testo base
Un fac simile della nuova scheda elettorale. In ogni riquadro si vede in alto il nome del candidato nel colleggio uninominale e sotto i simboli della lista o delle liste di coalizione che lo appoggiano, con accanto i nomi dei candidati nel listino proporzionale.

La legge elettorale in teoria gode di una maggioranza sia alla Camera che al Senato, dove i numeri sono molto più incerti. La legge è stata proposta dal PD, ma per il momento è appoggiata anche da Forza Italia, Lega Nord e dai centristi della maggioranza, come Alleanza Popolare del ministro degli Esteri Angelino Alfano. Non piace invece al Movimento 5 Stelle, a MDP e Sinistra Italiana-Possibile. Il suo percorso legislativo, comunque, sarà probabilmente accidentato. Il precedente tentativo di cambiare la legge elettorale è fallito anche a causa dei voti contrari all’interno di PD e Forza Italia che sono emersi nel corso dei voti segreti.

Anche durante le votazioni del Rosatellum bis potrebbero verificarsi delle sorprese durante il voto segreto. Stefano Folli, commentatore politico di Repubblica, ha detto che sarà particolarmente complicato approvare la legge elettorale nei mesi precedenti la discussione della legge di stabilità (che sarà votata a dicembre), quando le varie forze politiche sono particolarmente nervose. Pino Pisicchio, presidente del gruppo misto alla Camera e sostenitore della legge ha detto che il tentativo di approvarla sarà «un atto di fede».

Mostra commenti ( )