• Mondo
  • giovedì 21 settembre 2017

Un nuovo grave naufragio nel Mediterraneo

Un barcone si è ribaltato al largo di Sabratha, la città al centro del traffico di questi mesi: ci sono un centinaio di dispersi

(TAHA JAWASHI/AFP/Getty Images)

Un naufragio di un barcone è avvenuto al largo della città libica di Sabratha, da dove negli ultimi tempi parte la maggior parte di barche e gommoni di migranti (e che è la sede delle milizie con cui il governo italiano avrebbe stretto un accordo per ridurre le partenze). Secondo informazioni raccolte dall’ufficio libico dell’agenzia ONU per i rifugiati, la nave era partita circa una settimana fa dalla zona ovest di Tripoli, ed era rimasta per giorni alla deriva prima di ribaltarsi. Associated Press parla di cinque morti accertati e almeno 90 dispersi. Secondo Nancy Porsia, esperta di Libia, al naufragio sono sopravvissute 16 persone.

A luglio e agosto gli arrivi di migranti via mare in Italia erano nettamente diminuiti. Alcuni analisti hanno attribuito il calo al presunto accordo fra governo italiano e milizie libiche, smentito più volte dal governo italiano. La scorsa settimana però c’è stata una ripresa delle partenze: circa 3.000 migranti sono stati intercettati dalla Guardia costiera libica, mentre duemila sono stati soccorsi dalle autorità italiane.

Mostra commenti ( )