• Mondo
  • martedì 5 settembre 2017

Cosa vuole davvero Kim Jong-un?

La bomba e i missili servono innanzitutto a proteggersi da un'invasione, certo, ma c'è chi crede che l'obiettivo non sia solo difendersi: potrebbe voler riunire la Corea, per esempio

(Korean Central News Agency/Korea News Service via AP)

Mentre gli esperti stanno ancora cercando di valutare se quella esplosa pochi giorni fa nel sottosuolo della Corea del Nord sia stata davvero una bomba all’idrogeno, la più potente mai testata dal regime, è sempre più attuale la domanda: che cosa vuole davvero Kim Jong-un, il dittatore della Corea del Nord? Sopravvivere, certo: ma solo questo? Il New York Times ha provato a rispondere andando un po’ più in profondità del solito e prendendo in considerazione anche ipotesi piuttosto improbabili, che di solito non vengono nemmeno citate.

Vuole proteggersi
La prima ragione dietro il programma nucleare nordcoreano è proteggere la dinastia dei Kim. Secondo tutti gli esperti, Kim Jong-un ha compreso perfettamente la lezione di Gheddafi e Saddam Hussein, due dittatori che hanno rinunciato ai loro programmi nucleari – in parte perché costretti, in parte in cambio della fine delle sanzioni internazionali – e alla prima occasione sono stati entrambi detronizzati, umiliati ed uccisi. Kim sa che nel mondo moderno l’unica protezione che un autocrate ha dall’intervento esterno è la bomba atomica. Dopo tutto, non è un pazzo.

In altre parole l’arsenale nordcoreano sarebbe principalmente difensivo: un’arma di dissuasione dall’invasione. Ma, sostiene il New York Times, all’interno dell’amministrazione Trump c’è chi ritiene questa spiegazione non più sufficiente. Secondo loro «il vero obiettivo di Kim potrebbe essere il ricatto, il tipo di ricatto possibile non appena sarà in grado di minacciare città come Los Angeles, Chicago e New York».

Vuole ricattare gli Stati Uniti
Una volta ottenute armi nucleari in grado di raggiungere gli Stati Uniti, la tentazione di minacciare il loro uso per ottenere qualcosa potrebbe diventare irresistibile. Secondo la parte più bellicosa dell’amministrazione Trump, il cui pensiero l’articolo del New York Times cerca di interpretare, Kim potrebbe usare i suoi missili per costringere gli Stati Uniti a ritirare i loro militari attualmente stanziati in Corea del Sud e in Giappone. Oppure potrebbe usarli per costringere Stati Uniti e Cina a considerarlo un loro pari, una delle figure politiche fondamentali da consultare per qualsiasi questione riguardi l’Asia orientale.

Forse non è così improbabile immaginare la più grande potenza mondiale ritirare le truppe da due suoi storici alleati in seguito alle minacce di una piccola dittatura. Dopotutto, durante la campagna elettorale Trump aveva lasciato intendere di essere pronto ad abbandonare la regione, ritirando i soldati da Corea del Sud e Giappone e spingendo quei due paesi a sviluppare le armi nucleari con cui difendersi da soli. L’ex consigliere di Trump Stephen K. Bannon ha detto in almeno un’occasione che questo era il giusto percorso da seguire per trattare con la Corea del Nord.

Vuole invadere la Corea del Sud
Cosa accadrebbe una volta che la Corea del Sud si trovasse senza più truppe americane sul suo territorio? Secondo alcuni membri dell’amministrazione Trump, a quel punto Kim metterebbe in pratica quello che da decenni la sua famiglia dice di desiderare: la riunificazione della Corea, se necessario con la forza delle armi. Protette dall’ombrello nucleare, le forze della Corea del Nord potrebbero attaccare indisturbate il sud. Se gli americani decidessero di intervenire dovrebbero accettare il rischio di vedere distrutte città come Los Angeles o San Francisco.

«Se gli americani fossero costretti a scegliere tra Seul e San Francisco, sceglierebbero di certo San Francisco», ha detto al New York Times Andrei Lankov, esperto di Corea del Nord all’università Kookmin di Seul. Lankov stesso ammette che la possibilità che il vero obiettivo di Kim sia la riunificazione della Corea è «bassa, ma reale». In molti, infatti, dubitano che la Corea del Nord, che sperimenta cicliche carestie e ha una base industriale trascurabile, abbia le risorse e la forza necessarie a invadere la Corea del Sud e, dopo averla conquistata, a mantenere per lungo tempo una forza di occupazione nel paese.

Vuole solo negoziare da un punto di forza
Immaginando che per tutti questi anni l’obiettivo dei Kim sia stato invadere la Corea del Sud sotto la protezione di un arsenale nucleare in grado di colpire gli Stati Uniti, forse ci siamo spinti un po’ troppo oltre. Magari il reale scopo di Kim è molto più semplice: usare missili nucleari intercontinentali per trattare con il resto del mondo da una posizione di forza. La Corea del Nord è un paese isolato, colpito da numerose sanzioni, ma bisognoso di ogni genere di aiuto. Kim può ottenere molto di quello che serve al suo paese semplicemente offrendo di congelare il suo programma nucleare.

Se questo fosse il suo obiettivo, si spiegherebbe perché negli ultimi anni Kim abbia imposto un’accelerazione così netta al suo programma nucleare. Se il suo scopo è offrire alla comunità internazionale il blocco totale della produzione di armamenti, la cosa migliore da fare è riempire di armi i propri arsenali subito prima di arrivare al tavolo delle trattative. A quel punto Kim potrebbe chiedere un allentamento delle sanzioni, aiuti umanitari oppure la fine delle esercitazioni congiunte tra Stati Uniti e Corea del Sud, offrendo in cambio lo smantellamento di alcune infrastrutture nucleari, pur mantenendo abbastanza bombe e missili da proteggersi nel caso di un attacco americano.

Vuole solo essere rispettato
Infine, un’altra spiegazione che si sente spesso dare dagli esperti è che alla fine tutto quello che Kim vuole sia solo un po’ di rispetto. Vorrebbe essere trattato con la deferenza che si deve a ogni altro leader mondiale, partecipare agli incontri internazionali, dire la sua su quello che accade nella regione. Le armi nucleari, oltre a una polizza sulla vita, sarebbero anche il modo di ottenere questo tipo di attenzioni. Trump, con il suo desiderio di apparire forte e poco incline ai compromessi, non sembra il presidente migliore per soddisfare questo desiderio di Kim, nota il New York Times.

Tutte queste, però, restano in gran parte ipotesi. «Chiunque ti dica che cosa vuole la Corea del Nord sta mentendo o tirando a indovinare», ha spiegato al quotidiano Jon Wolfsthal, ricercatore al Carnegie Endowment for International Peace: «Non abbiamo idea di cosa Kim Jong-un mangi a colazione, come possiamo sapere qual è davvero il suo obiettivo finale? La realtà è che semplicemente non sappiamo quasi nulla di quello che pensa».

Mostra commenti ( )