• Cultura
  • mercoledì 30 agosto 2017

La truffa che ha fatto entrare un libro sconosciuto nella classifica del New York Times

Basta sapere come viene stilata la classifica per manipolarla: è successo con un romanzo per adolescenti la scorsa settimana

La copertina del libro

Handbook for Mortals è un libro Young Adult (YA), cioè per adolescenti, scritto da Lani Sarem: racconta di «una teenager che discende da una famiglia di lettori di tarocchi, maghi e indovini che arriva a Las Vegas», e la scorsa settimana è entrato direttamente al primo posto della classifica del New York Times dei libri YA più venduti. Nessuno però ne ha mai sentito parlare, nemmeno tra i fan e gli scrittori del genere; non c’è traccia di alcuna promozione sui social network; la casa editrice che lo pubblica è stata fondata solo un mese fa; su Amazon il libro non si poteva ordinare per mancanza di copie e su Goodreads aveva nove recensioni, tutte con il massimo dei voti, alcune doppie. Com’era possibile che un libro praticamente sconosciuto fosse entrato in classifica e avesse scalzato The Hate U Give di Angie Thomas, la storia di una ragazza nera che assiste all’omicidio di un’amica da parte di un poliziotto, in classifica da 25 settimane, con centinaia di migliaia di copie vendute e un film in arrivo? Straniti dai dati, due scrittori di Young Adult, Phil Stamper e Jeremy West, hanno fatto un po’ di ricerche e hanno scoperto – come ricostruiscono il Guardian e il sito Pajiba, il primo a raccontare la storia – che è stata una truffa per gonfiare il successo del libro e convincere un produttore a trasformarlo in un film.

Le ricerche sono iniziate giovedì, quando Stamper aveva espresso i suoi subbi su Twitter, chiedendosi come fosse possibile che un libro sconosciuto e senza pubblicità avesse venduto 5.000 copie, stando ai dati Nielsen, nella prima settimana di pubblicazione, e poi più di 18mila durante il weekend.

La prestigiosa classifica del New York Times viene realizzata comparando i dati di vendita forniti da migliaia di librerie di fiducia in tutto il paese, consultate settimanalmente. Quindi basta gonfiare i dati di queste librerie per influenzare la classifica. Stamper ha raccontato di aver parlato con cinque librai: tutti avevano ricevuto un grosso ordine di Handbook for Mortals dopo che gli era stato chiesto se facessero parte della cerchia consultata dal New York Times. Publishers Weekly, un settimanale specializzato sul mondo dell’editoria, ha scritto che una persona ha ordinato 87 copie del libro in una libreria di Las Vegas dopo aver scoperto che era una di quelle contattate dal giornale, e dicendo che serviva per «un prossimo grande evento», sottintendendo il lancio di un film.

Secondo Kayleigh Donaldson di Pajiba, «qualcuno, chiunque sia, sta cercando di usare l’etichetta “al numero uno della classifica del New York Times” come trampolino di lancio per un accordo con uno studio cinematografico». Intanto a luglio Hollywood Reporter aveva scritto di un accordo tra la piattaforma GeekNation e la casa editrice per trarre dal libro una serie di film. Su IMDb c’è già una pagina sul film, dove l’autrice Sarem – che ha lavorato in passato come attrice e manager musicale – viene indicata nel ruolo della protagonista. Sempre Pajiba riporta due fonti anonime che accusano Sarem e la casa editrice di aver progettato un piano per gonfiare i dati di vendita, far entrare il libro in classifica e venderne così i diritti cinematografici. Nel frattempo il New York Times ha modificato la classifica eliminando Handbook for Mortals, «dopo aver scoperto alcune incongruenze nei dati riportati».

Mostra commenti ( )