cstar-1
  • Mondo
  • venerdì 11 agosto 2017

Una nave che soccorre i migranti è stata mandata a soccorrere la nave anti-migranti

Cioè la C-Star, la nave del gruppo di estrema destra "Generazione Identitaria", che ha avuto un problema di fronte alle coste libiche

cstar-1

Una nave della ong tedesca Sea-Eye, che si occupa di soccorrere i migranti nel mar Mediterraneo, ha detto di essere stata mandata ad aiutare l’equipaggio della C-Star,  la nave affittata dall’organizzazione di estrema destra “Generazione Identitaria” per contrastare proprio il lavoro delle ong che soccorrono i migranti nel Mediterraneo. Sea Eye ha detto di essere stata contattata dal centro di coordinamento marittimo di soccorso (MRCC) e che una delle due navi della sua flotta, che porta lo stesso nome dell’organizzazione, sta raggiungendo la C-Star. Sea Eye ha scritto su Twitter che l’equipaggio della C-Star ha rifiutato qualsiasi aiuto della stessa Sea Eye.

L’account Twitter di Defend Europe, come è stata chiamata l’operazione per ostacolare le ong, ha confermato che la C-Star «sta avendo dei problemi tecnici», e che seguendo il codice della navigazione ha comunicato il problema alle navi in prossimità. Michael Buschheuer, presidente di Sea Eye, ha detto: «Aiutare una nave in avaria è dovere di chiunque in mare, senza distinzioni di origine, razza, religione o ideologie».

La C-Star era stata affittata da Generazione Identitaria grazie a una raccolta fondi. A fine luglio, poco dopo essere partita da Gibuti e avere iniziato le sue operazioni, era stata sottoposta a controlli dalle autorità egiziane, ma poi era stata lasciata ripartire. Poi era stata di nuovo bloccata a Famagosta, città della parte turca di Cipro. Il capitano e il vice-capitano erano stati fermati perché sospettati di traffico di essere umani e produzione di documenti falsi: a bordo della nave c’erano una ventina di persone cingalesi, alcune delle quali avevano detto alle autorità di avere pagato diverse migliaia di euro per avere un passaggio verso l’Europa, una ricostruzione però contestata da Defend Europe. Dopo alcuni accertamenti, la polizia turco-cipriota aveva rilasciato il capitano e il vice-capitano della nave e aveva fatto cadere le accuse per insufficienza di prove.

Dopo avere lasciato Cipro, l’1 agosto, l’equipaggio della C-Star aveva deciso di non attraccare in Grecia o in Sicilia, dove si aspettava di essere contestato; gli era stato rifiutato l’attracco anche al porto tunisino di Zarzis, per l’opposizione di alcuni pescatori locali: il leader dell’organizzazione che li riunisce aveva detto: «È il minimo che possiamo fare, dato quello che sta succedendo nel Mediterraneo. Musulmani e africani stanno morendo». Le operazioni della C-Star erano state criticate anche da un’ong tunisina, Tunisian Forum for Economic and Social Rights, che aveva detto che si sarebbe opposta a qualsiasi tentativo della C-Star di attraccare e fare rifornimento.

Finora l’equipaggio della C-Star non ha attivamente cercato di bloccare l’attività delle ong nel Mediterraneo centrale, ma si è limitata a urlare con dei megafoni contro le navi delle ong, e in un’occasione ha mandato messaggi radio alla ong spagnola Provactiva Open Arms ordinandole di lasciare l’area dei soccorsi di fronte alle coste libiche. Robert Timm, membro tedesco dell’organizzazione di estrema destra, ha detto all’Independent: «Se saremo chiamati, andremo ad aiutare. Ma ci assicureremo che i migranti non arrivino in Europa». Timm ha aggiunto che la C-Star porterà i migranti nel «più vicino porto sicuro dell’Africa», invece che in Italia, e ha fatto l’ipotesi della Tunisia, anche se l’opposizione delle autorità tunisine rende per ora questa ipotesi impraticabile.

Mostra commenti ( )