L’ex capo dei servizi segreti britannici ha dei consigli per i genitori

Vuole che lascino i loro figli più tempo davanti a smartphone e computer: «potrebbe aiutare i vostri figli e salvare il vostro paese»

(JOSEP LAGO/AFP/Getty Images)

Robert Hannigan, capo dell’agenzia di intelligence britannica GCHQ dal 2014 al 2017, ha scritto un articolo pubblicato ieri dal Telegraph in cui sostiene che i genitori dovrebbero lasciare che i loro figli passino più tempo davanti al computer o al cellulare – invece di preoccuparsi di fare il contrario – perché aiuterà il Regno Unito ad avere più esperti di dati, informatica e computer.

Hannigan ha scritto di essere preoccupato per il basso numero di ingegneri ed esperti di informatica che ci sono oggi nel Regno Unito, e ha detto di pensare che tra vent’anni il problema sarà anche più grave con l’aumento degli ambiti in cui queste competenze saranno richieste e importanti. Secondo Hannigan parte del problema è che questi ambiti di studio e ricerca non attraggono abbastanza giovani, e che sempre meno giovani crescono con “la mentalità da ingegnere”: quella che porta a costruire cose, romperne altre, esplorare cose nuove ed essere curiosi.

Il suo consiglio ai genitori è quello di preoccuparsi meno del tempo che i loro figli passano davanti agli schermi di computer e cellulari e di incoraggiarli invece a farlo in modo meno passivo, e più creativo. Secondo Hannigan è molto diffusa tra i genitori una certa ignoranza su cosa sia internet, e ci sono quindi pregiudizi e timori sugli effetti che potrebbe avere sui loro figli: timori che spingono i genitori a sforzarsi per tenere i figli lontani dagli schermi il più possibile, preferendo vederli giocare a palla nel parco. Tuttavia, scrive Hannigan, ci sono cose che oggi possono sembrare triviali – come per esempio giocare a Pokémon Go – che per i bambini sono invece importanti per imparare a conoscere cose che tra qualche anno saranno importantissime in ambiti molto più seri dei giochi online, come la realtà aumentata. Allo stesso modo, i genitori che vorrebbero vedere i loro figli socializzare con gli amici in strada non capiscono che socializzare online – mentre si gioca al computer o chattando con gli amici – sia per loro la stessa cosa.

«Essere dei genitori scarsi potrebbe aiutare i vostri figli e salvare il vostro paese», ha riassunto Hannigan scherzando sul fatto che molti genitori vivono come un fallimento il vedere i loro figli che passano ore davanti al computer o con il cellulare in mano. La vera questione, dice, non è che i figli passino ore al computer, ma che lo facciano con lo spirito giusto. E in questo vanno solo incoraggiati: perché, scrive Hannigan, i bambini di oggi sono diventati bravissimi a imparare da soli, cercare soluzioni online, provare e riprovare fino a che le cose non funzionano.

«Un po’ di equilibrio» conclude Hannigan, «è sicuramente una buona cosa. Ma non riconosco la preoccupazione su come crescerà questa generazione di internet. Se si guarda all’Occidente, è difficile poter dire che i millennials se la stanno cavando male a far funzionare il mondo. E se impareranno a sfruttare le enormi possibilità dell’era digitale che sta arrivando, e che farà sembrare “lento” il progresso degli ultimi 50 anni, allora potranno forse essere in grado di comprare una casa e pagare l’assicurazione sanitaria a noi genitori».

Mostra commenti ( )