I romanzi finalisti del Man Booker Prize

Uno tra questi 13 vincerà il massimo premio letterario britannico: ci sono Arundhati Roy, Zadie Smith e Paul Auster

Lunedì sera sono stati annunciati i 13 finalisti del Man Booker Prize, il più importante premio letterario britannico, assegnato ogni anno dal 1969 al miglior romanzo pubblicato in Regno Unito durante l’anno, che dev’essere scritto originariamente in inglese. La giuria, composta da cinque critici letterari, romanzieri e artisti, ha selezionato i romanzi tra 144 proposte pubblicate dal primo ottobre 2016. Tra questi ci sono l’indiana Arundhati Roy con il suo secondo romanzo, Il ministero della suprema felicità, pubblicato vent’anni dopo l’esordio, Il dio delle piccole cose, con cui vinse il Man Booker Prize nel 1997; l’americano Paul Auster con 4 3 2 1, ancora inedito in Italia, l’atteso Lincoln nel Bardo di George Saunders, Swing Time dell’inglese Zadie Smith, lo statunitense Colson Whitehead con La ferrovia sotterranea, che ha vinto il premio Pulitzer 2016 per la narrativa, e il pakistano Mohsin Hamid per Exit West, uno dei romanzi più apprezzati da critica e pubblico dell’anno. Il vincitore sarà annunciato il 17 ottobre e riceverà 50 mila sterline.

I 13 finalisti
4 3 2 1, Paul Auster, Stati Uniti (Faber & Faber)
Days Without End, Sebastian Barry, Irlanda (Faber & Faber)
History of Wolves, Emily Fridlund, Stati Uniti (Weidenfeld & Nicolson)
Exit West (Italiano: Exit West), Mohsin Hamid, Pakistan-Regno Unito (Hamish Hamilton)
Solar Bones, Mike McCormack, Irlanda (Canongate)
Reservoir 13, Jon McGregor, Regno Unito (4th Estate)
Elmet, Fiona Mozley, Regno Unito (JM Originals)
The Ministry Of Utmost Happiness (Italiano: Il ministero della suprema felicità), Arundhati Roy, India (Hamish Hamilton)
Lincoln in the Bardo (Italiano: Lincoln nel Bardo), George Saunders, Stati Uniti (Bloomsbury)
Home Fire, Kamila Shamsie, Regno Unito-Pakistan (Bloomsbury)
Autumn, Ali Smith, Regno Unito (Hamish Hamilton)
Swing Time (Italiano: Swing Time), Zadie Smith, Regno Unito (Hamish Hamilton)
The Underground Railroad (Italiano: La ferrovia sotterranea), Colson Whitehead, Stati Uniti (Fleet)

Continua sul Post