Quanti italiani guadagnano più di te?

O meglio, "dichiarano" più di te: un giornalista economico ha creato un modulo online per scoprirlo

(Daniel Karmann/picture-alliance/dpa/AP Images)

Luca Cifoni, giornalista economico del Messaggero e creatore di un seguìto sito di informazione economica e fiscale, ha costruito un semplice modulo online che permette di collocare il proprio reddito nel contesto dei redditi italiani, e di capire in quale posizione si trova in un’ipotetica classifica tra gli oltre 40 milioni di contribuenti. È solo una curiosità, naturalmente, ma è utile a dare un’idea in tempi in cui molte discussioni si svolgono intorno ai concetti di “1%” o “10%”, o eccetera, di popolazione più ricca. Inserendo redditi diversi – stiamo parlando delle dichiarazioni IRPEF, il modulo usa i dati del 2015, gli ultimi aggiornati – si può vedere quanti sono gli italiani che guadagnano più o meno di quella cifra (i dati ministeriali sono ripartiti per fasce, e non per ogni singolo contribuente, quindi le posizioni hanno un grado di approssimazione).

Alcune informazioni che se ne ricavano:

  • Si trova esattamente al centro della classifica dei redditi chi abbia dichiarato 16.557 euro (è il cosiddetto “reddito mediano“). Se ha dichiarato di più è nella metà degli italiani più ricchi, se ha dichiarato di meno, è nella metà degli italiani più poveri.
  • Il reddito medio è più alto, circa 20 mila euro l’anno (20.690 secondo gli ultimi dati disponibili per il 2016). La media è più alta della mediana perché nel calcolo del valore medio contano di più i redditi molto alti, i cosiddetti “outlier”.
  • L'”un per cento” più ricco è costituito dagli italiani che dichiarano oltre 104mila euro.
  • Il “dieci per cento” più ricco è costituito dagli italiani che dichiarano oltre 37.900 euro.
  • Il “venti per cento” più ricco (una fascia di ricchezza di cui si discute parecchio ultimamente) è costituito dagli italiani che guadagnano 28.600 euro.
  • Il 31,5% dei contribuenti dichiara meno di 10mila euro annui (sono quindi “incapienti” e sostanzialmente non pagano imposte sul reddito).

Tutte queste cifre vanno prese con attenzione. Nel nostro paese è molto diffuso il fenomeno dell’evasione fiscale, che porta molte persone a dichiarare redditi inferiori alla realtà o addirittura dichiarare redditi nulli. Secondo uno studio del 2012 (Tavola 4), ripreso da diverse commissioni di indagine, in media gli italiani non dichiarano al fisco 2.093 euro a testa (in media). Si tratta di un dato particolarmente complesso da calcolare, che si ricava valutando in base a una serie di parametri a quanto dovrebbero ammontare le dichiarazioni medie e osservando la differenza con le dichiarazioni reali.

Quello su cui sono fatti i calcoli di Cifoni è quindi un dato molto approssimativo e comunque parzialmente sottostimato. Nel calcolo, infatti, è praticamente impossibile conteggiare il fatto che molte persone non si limitano a non dichiarare parte dei propri redditi, ma non ne dichiarano affatto. Si tratta dei cosiddetti “evasori totali”, in genere lavoratori che percepiscono interamente in nero il proprio stipendio: un fenomeno diffuso soprattutto nel Mezzogiorno che spesso altera gli studi sull’evasione fiscale nelle macro-aree del paese (se guardiamo solo alle dichiarazioni, infatti, risulta che il Nord evada molto più del Sud).

Un’approssimazione sempre un po’ grossolana che tenga conto anche di questi fattori, quindi, ci dice che il reddito reale mediano, cioè quello che si trova esattamente in mezzo alla classifica, è più vicino ai 18 mila che ai 16 mila euro, mentre il reddito medio è più vicino ai 22 mila che ai 20 mila euro. Numeri non così distanti da quelli elaborati da Cifoni.

Mostra commenti ( )