Perché internet è sempre più arrotondata

Ci è arrivato anche Twitter, adattandosi a una tendenza che va avanti da anni e che è dovuta alle preferenze del nostro cervello

Un paio di settimane fa è cambiata la forma delle icone degli account Twitter, che da quadrate sono diventate tonde: moltissimi utenti del social network se ne sono lamentati, probabilmente per via della naturale diffidenza verso le novità che accomuna gran parte degli esseri umani. Un’altra cosa che la maggior parte delle persone condivide, però, è la preferenza per le forme rotonde o arrotondate rispetto a quelle quadrate, ragion per cui non deve stupire che Twitter abbia modificato il suo aspetto: negli ultimi anni su internet le cose si sono fatte sempre più arrotondate, e Twitter si è semplicemente accodato a questa tendenza. Su Instagram sia le immagini dei profili che quelle delle storie sono rotonde, così come le icone di Snapchat. I simboli delle app e le foto profilo su Facebook sono quadrate, ma hanno gli angoli smussati.

Un articolo del sito The Ringer spiega che di solito preferiamo le forme arrotondate per come sono fatti i nostri occhi e il nostro cervello. I cerchi attirano la nostra attenzione più facilmente delle forme squadrate. Un modo semplice per accorgersene è disegnare un quadrato con gli angoli smussati e poi disegnare qualcosa al suo interno, poi ripetere la stessa operazione facendo un vero e proprio quadrato: il nostro cervello si concentrerà più facilmente sulla forma disegnata all’interno del quadrato arrotondato. Un altro esperimento che si può fare è osservare due forme, una tonda e una squadrata: seguendo con gli occhi e la testa i bordi, dovreste accorgervi che è più facile farlo sulla figura tondeggiante. Come hanno spiegato diversi studi scientifici, il cervello riesce a interpretare più facilmente e senza fatica le forme curvilinee rispetto a quanto faccia con gli angoli: una forma con molti angoli acuti per esempio dà l’impressione di essere minacciosa, e può suscitare un’impressione negativa.

 

angoli-1

Quale oggetto è più facile da guardare, per voi? (via uxmovement)

Nel caso di uno studio pubblicato nel 2013 sono state analizzate – con la tecnica della risonanza magnetica – le reazioni delle persone a stanze arredate usando linee curve e altre arredate usando linee rette: si è scoperto che la vista delle forme curve attiva una parte del cervello legata alla sensazione di piacere. Secondo uno studio ancora precedente, svolto con modalità simili, la vista di oggetti con angoli ben definiti attiva l’amigdala, una parte del cervello legata alla paura. Può darsi che questo fenomeno sia la ragione per cui a molte persone nonostante tutto piaccia il font Comic Sans, che secondo la maggior parte dei grafici è malfatto.

All’inizio di internet le icone erano più spesso quadrate per ragioni tecnologiche: gli schermi non avevano la stessa definizione che hanno oggi e i pixel – che sono quadrati – rappresentavano un limite per realizzare immagini arrotondate. Ora questo limite non esiste più, e quasi tutta internet si è adattata alla possibilità di usare forme tondeggianti. The Ringer racconta anche un aneddoto su una delle persone che più hanno contribuito a creare l’attuale estetica della tecnologia nell’immaginario collettivo: Steve Jobs. Pare che un giorno abbia rimproverato uno degli ingegneri che stavano lavorando al sistema operativo macOS per la forma dei tasti: l’ingegnere voleva farli quadrati per semplicità, mentre Jobs voleva una forma tondeggiante. Per convincerlo della sua idea lo portò in un parcheggio per mostrargli tutte le cose di forma tondeggiante intorno a loro. Per Jobs l’interfaccia dei prodotti Apple doveva apparire il più naturale possibile, simile alle cose che ci circondano e quindi non spigolosa.

Mostra commenti ( )