Referendum Lombardia

La Lombardia farà un referendum sull’autonomia

Si terrà il prossimo 22 ottobre, insieme a quello del Veneto, ma i risultati non saranno vincolanti

Referendum Lombardia
(ANSA/UFFICIO STAMPA REGIONE LOMBARDIA)

Oggi il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, ha firmato un decreto con cui viene indetto un referendum consultivo sull’autonomia della regione. La data fissata è il prossimo 22 ottobre, lo stesso giorno in cui un referendum simile si terrà in Veneto. È un referendum in cui viene chiesto ai cittadini se vogliono che la giunta regionale faccia richiesta allo Stato per ottenere maggiore autonomia. L’esito del referendum non è vincolante e, sulla procedura di concessione di maggiore autonomia, l’ultima parola spetta allo Stato.

Il quesito che sarà sottoposto al voto recita:

«Volete voi che la Regione Lombardia, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma della Costituzione?».«Volete voi che la Regione Lombardia, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma della Costituzione?».

L’articolo 116 della Costituzione, modificato con la riforma del 2001, prevede che le regioni possano richiedere allo Stato ulteriori competenze oltre a quelle che gli spettano in base al famoso Titolo V della Costituzione, quello che la riforma costituzionale bocciata lo scorso 4 dicembre voleva modificare. Nessuna regione, fino a oggi, aveva mai invocato questa possibilità. L’esito del referendum non obbliga nemmeno la prossima giunta regionale – in Lombardia si voterà per le elezioni regionali nel 2018 – a portare avanti la richiesta.

I due referendum che si terranno in Lombardia e Veneto il prossimo 22 ottobre sono un’iniziativa dei presidenti delle rispettive regioni, entrambi della Lega Nord: Maroni per la Lombardia e Luca Zaia per il Veneto. Il progetto del doppio referendum va avanti da un anno ed è considerato soprattutto un’azione politica, con la quale i due presidenti di regione mirano a mostrare il consenso di cui godono le loro politiche, la volontà dei cittadini delle due regioni di ottenere maggiore autonomia e, soprattutto, la possibilità di trattenere una quantità maggiore delle imposte che vengono riscosse sul loro territorio. Le conseguenze concrete del referendum, invece, saranno probabilmente molto ridotte.

Mostra commenti ( )