• Sport
  • domenica 28 maggio 2017

Sebastian Vettel ha vinto il Gran Premio di Monaco di Formula 1

E il suo compagno di scuderia Kimi Raikkonen è arrivato secondo, mentre Lewis Hamilton è arrivato solo settimo

(BERTRAND LANGLOIS/AFP/Getty Images)

Aggiornamento delle 15.50: Sebastian Vettel ha vinto il Gran premio di Formula 1 di Monaco, uno dei più noti del Mondiale. Vettel è partito in seconda posizione e nel corso della gara è riuscito a superare il suo compagno di squadra Kimi Raikkonen grazie a un pit-stop molto rapido. Raikkone è arrivato secondo, mentre Daniel Ricciardo della Red Bull è arrivato terzo. Lewis Hamilton della Mercedes è partito in 13esima posizione ed è riuscito a rimontare fino alle settima. Grazie alla vittoria di oggi, Vettel ha aumentato il suo vantaggio in classifica generale: ora è primo con 25 punti di distacco su Hamilton.

***

Il Gran Premio di Monaco di Formula 1 assegna gli stessi punti degli altri, ma è più importante: si corre infatti sul circuito cittadino più famoso del mondo, e la cosa lo rende estremamente difficile e particolarmente fotogenico. I motivi che lo rendono affascinante sono anche quelli che lo rendono complicatissimo: bisogna guidare in modo quasi perfetto perché la strada è stretta, partire bene e studiare il metodo migliore per superare e non farsi superare durante i pit-stop (perché farlo sul circuito è quasi impossibile). Inizierà alle 14 ed è il sesto dei 20 Gran Premi del Mondiale di quest’anno.

Per vincere, come dicevamo, è importantissimo partire davanti a tutti, cosa che quest’anno le Ferrari sono riuscite a fare: in pole position partirà infatti il finlandese Kimi Raikkonen e in seconda posizione in griglia di partenza ci sarà il suo compagno di scuderia, il tedesco Sebastian Vettel. Entrambi sono andati molto forte: il giro di Raikkonen è stato più veloce di quello di Vettel di solo 43 millesimi di secondo. Dal terzo posto partirà Valtteri Bottas, con la Mercedes, e dal quarto e dal quinto partiranno le Red Bull di Max Verstappen e Daniel Ricciardo. Manca Hamilton: ci arriviamo tra un po’, ma prima un’altra cosa.

Il principale assente della corsa di oggi sarà Fernando Alonso: è andato a provare a vincere la 500 miglia di Indianapolis e fare una cosa riuscita solo a un altro pilota, 45 anni fa; Il pilota è Graham Hill, campione del mondo di Formula 1 nel 1962 e nel 1968 e padre di Damon Hill, campione del mondo di Formula 1 nel 1996. La cosa è la Tripla Corona dell’automobilismo, che si guadagna chi vince almeno una volta le tre gare automobilistiche più famose al mondo, che conoscete anche se di gare d’auto non ve ne frega proprio niente: il Gran Premio di Monaco, la 24 Ore di Le Mans e la 500 miglia di Indianapolis. A Monaco Alonso ha già vinto due volte; dovesse vincere a Indianapolis – la gara inizierà oggi alle 18 e si potrà seguire su Sky Sport 3 – gli mancherebbe solo la 24 ore di Le Mans.

L’ultima volta che due Ferrari partirono in prima fila nel Gran Premio di Monaco fu nel 2008 (erano quelle di Massa e Raikkonen). Quel Gran Premio però fu poi vinto da Lewis Hamilton, che già guidava una Mercedes. Oggi Hamilton partirà invece dalla 13ª posizione: nelle prove libere era andato benissimo, poi sono iniziati problemi (pare della macchina, più che suoi) e ora Hamilton dovrà provare una complicatissima rimonta, sempre che i problemi alla macchina siano stati risolti. Anche perché a differenza dell’anno passato – in cui le Mercedes facevano quasi un campionato a parte, perché andavano quasi sempre molto meglio di tutti gli altri – in questo Mondiale le Ferrari stanno andando benissimo. Soprattutto Vettel: nelle gare corse finora è sempre arrivato primo o secondo e in classifica è quindi primo con 104 punti; Hamilton ne ha 98 e più dietro ci sono Bottas e Raikkonen (con 63 e 39 punti) e Ricciardo e Verstappen (con 37 e 35).

Un anno fa a Monaco

Vinse Hamilton e al secondo posto arrivò Ricciardo, che era partito in pole position. La partenza fu ritardata di alcuni minuti a causa della pista bagnata e per i primi giri del Gran Premio i piloti dovettero girare dietro una safety car. Raikkonen uscì nei primi giri, Vettel arrivò quarto.

Due settimane fa in Spagna

Ha vinto Hamilton, davanti a Vettel e Ricciardo. Raikkonen si è dovuto ritirare dopo un contatto con Verstappen; Bottas si è dovuto ritirare per un problema al motore.

Il circuito di Monaco

È lungo 3 chilometri e 337 metri e i piloti dovranno farci 78 giri per un totale di poco più di 260 chilometri. Il sito della Formula 1 scrive che «per vincerlo bisogna combinare una guida precisissima, un’eccellenza tecnologica e una grandissima audacia». Il pilota che nella storia della Formula 1 ha vinto più volte il Gran premio di Monaco è il brasiliano Ayrton Senna, che ci riuscì sei volte. Un esempio di «guida precisissima» e «grande audacia» l’ha dato qualche giorno fa Verstappen:

 

La prima gara automobilistica per le strade di Monaco è stata nel 1929. Il primo Gran Premio di Monaco ad aver fatto parte del Mondiale di Formula 1 è stato quello del 1950; è invece dal 1955 che il Gran Premio di Monaco fa ininterrottamente parte del calendario di Formula 1. Uno dei più belli e avvincenti è stato il Gran Premio di Monaco del 1996, che ha una storia particolare.

monaco

Come vedere il Gran Premio in streaming o in tv

È uno di quei Gran Premi trasmessi in diretta sia su Sky – su Sky Sport Formula 1 – sia dalla Rai. Si potrà seguire anche in streaming sul sito e sull’app della Rai e su Sky Go, l’app per smartphone e tablet riservata agli abbonati Sky.

Mostra commenti ( )