E' POLEMICA SULLA PARATA DELLA DESTRA. SALA: MILANO CONDANNI
  • Italia
  • lunedì 1 maggio 2017

La foto dei saluti fascisti al Cimitero Maggiore di Milano

Centinaia di persone si sono ritrovate per commemorare i soldati della Repubblica Sociale Italiana morti durante la Resistenza

E' POLEMICA SULLA PARATA DELLA DESTRA. SALA: MILANO CONDANNI
(FACEBOOK/CASAPOUND ITALIA)

Da sabato 29 aprile circola molto sui social network una foto che mostra alcune centinaia di persone fare il saluto fascista al Cimitero Maggiore di Milano, il più grande della città, nella periferia nord ovest, dove si erano radunati per commemorare i soldati della Repubblica di Salò morti prima e dopo la liberazione dell’Italia dal nazifascismo, il 25 aprile 1945. La foto è stata pubblicata, insieme ad altre, dal profilo Facebook del movimento di estrema destra CasaPound, che aveva organizzato la manifestazione insieme all’associazione Azione-FederAzione (a sua volta di estrema destra).

Al Campo X del Cimitero Maggiore di Milano sono sepolti un migliaio tra soldati fascisti e civili simpatizzanti del regime che si erano uniti alla Repubblica Sociale Italiana, fondata da Benito Mussolini nel nord Italia dopo l’armistizio con gli Alleati dell’8 settembre 1943, e che vennero uccisi durante la Resistenza. I movimenti di estrema destra italiani solitamente organizzano delle manifestazioni per ricordarli il 25 aprile, il giorno in cui si festeggia la Liberazione: una scelta che viene puntualmente criticata dalle associazioni partigiane e dai movimenti antifascisti. Quest’anno il prefetto di Milano, d’accordo con il sindaco Beppe Sala, aveva evitato che la manifestazione si svolgesse proibendo l’esibizione di simboli fascisti e di cerimonie commemorative. Casapound e Azione-FederAzione hanno allora deciso di organizzare autonomamente la loro cerimonia sabato 29 aprile, giorno in cui cade l’anniversario della morte di Carlo Borsani, un soldato della RSI ucciso dai partigiani, oltre che l’anniversario dell’esposizione in Piazzale Loreto a Milano dei corpi di Mussolini, Claretta Petacci e di altri gerarchi fascisti.

Alla manifestazione ha partecipato qualche centinaio di persone, mille secondo Repubblica. Dopo una marcia in cui i membri delle associazioni hanno camminato come in una falange militare, e dopo aver posato delle corone di fiori, si sono disposti in fila e hanno fatto il saluto fascista. Casapound ha motivato la cerimonia dicendo: «I nostri movimenti non hanno voluto prestarsi al circo mediatico che lasciamo volentieri a chi dei morti non ha il minimo rispetto. Abbiamo onorato e continueremo ad onorare e ricordare i nostri Caduti, a prescindere dai vergognosi e infami divieti che i soliti noti vorrebbero vedere imposti». La questura di Milano ha detto che la manifestazione non era stata autorizzata, mentre Sala ha detto: «Condanniamo fermamente questi gesti e queste provocazioni e continueremo a far tutto quanto è in nostro potere per evitare iniziative del genere. Mi auguro che le autorità competenti agiscano perché la nostra Costituzione e le nostre leggi siano rispettate. E, soprattutto, mi auguro che la Milano democratica e antifascista, che ha fatto grande questa città, non smetta mai di far la sua parte, nel solco dei valori della nostra Costituzione. Io la mia la farò sempre».

Dopo la cerimonia al Cimitero Maggiore, una parte dei militanti si è ritrovata alla chiesa dei Santi Nereo e Achilleo, in zona Città Studi a Milano, per sfilare fino alla lapide dedicata a Sergio Ramelli, studente e militante dell’associazione giovanile di estrema destra Fronte della Gioventù ucciso da militanti di estrema sinistra nel 1975. Poi sono tornati alla chiesa per una messa e un concerto, al termine del quale hanno di nuovo fatto il saluto fascista, mentre venivano letti i nomi di altri attivisti fascisti uccisi.

Mostra commenti ( )