Le Harley-Davidson non si vendono più come una volta

di Jamie Butters – Bloomberg

Gli ultimi dati sulle vendite delle celebri moto non sono per niente buoni, e sembra che la colpa sia soprattutto del dollaro

(AP Photo/Morry Gash)

Harley-Davidson Inc. ha riportato un rallentamento delle vendite nel settore moto in quasi tutte le regioni in cui opera a livello mondiale, evidenziando le difficoltà dell’azienda per via del dollaro forte. Nel primo trimestre di quest’anno i ricavi derivanti dalle moto sono calati del 16 per cento, arrivando a 1,33 miliardi di dollari (1,24 miliardi di euro), una cifra inferiore rispetto agli 1,35 miliardi di dollari (1,25 miliardi di euro) previsti dagli analisti. Le vendite nel settore moto sono diminuite sia negli Stati Uniti che all’estero, tranne che in America Latina, il mercato più piccolo dell’azienda.

L’attuale forza del dollaro sta danneggiando i tentativi di Harley di espansione all’estero, rendendo le moto assemblate in altri paesi dai concorrenti dell’azienda più economiche negli Stati Uniti, e limitando i profitti di Harley sulle moto spedite all’estero. La settimana scorsa il presidente statunitense Donald Trump ha detto che il dollaro è diventato troppo forte, attribuendo la crescita alla fiducia nei confronti della sua linea politica. Martedì il direttore finanziario di Harley John Olin ha detto che il dollaro potrebbe limitare i profitti dell’azienda relativi a quest’anno di 10 milioni di dollari (9,3 milioni di euro).

harley-2

Alle 9,30 di martedì 18 aprile, nelle contrattazioni alla borsa di New York, le azioni di Harley-Davidson avevano perso il 4,5 per cento, attestandosi a quota 56,73 dollari (52,90 euro). Alla chiusura dei mercati di lunedì le azioni dell’azienda avevano guadagnato il 28 per cento rispetto all’anno scorso. Nel primo trimestre il profitto su ogni azione dell’azienda è sceso a 1,05 dollari (0,97 euro), un calo inferiore rispetto alla media delle stime degli analisti, che avevano previsto un calo a 1,02 dollari (0,95 euro). Harley-Davidson ha ribadito che le previsioni dell’azienda relative ai margini operativi lordi per l’intero anno sono in linea con i risultati dell’anno scorso, e ha aggiunto che le spedizioni delle moto relative all’intero anno saranno stabili o moderatamente in calo.

In un’email ai suoi clienti Joseph Spak, analista di RBC Capital Markets, ha detto che le consegne previste da Harley per il secondo trimestre, 80mila/85mila moto, implicano che le vendite nella seconda metà dell’anno dovranno aumentare del 20 per cento per far sì che le vendite relative all’intero anno rimangano stabili. «Crediamo che il mercato avrà dei dubbi sul fatto che questo livello di spedizioni sia la strategia corretta, viste le vendite deboli», ha detto Spak. Nel primo trimestre di quest’anno, Harley ha ridotto le spedizioni di nuovi modelli in modo che i concessionari potessero concentrarsi sulla vendita delle giacenze di magazzino del 2016. Nel primo trimestre il prezzo medio per moto è calato di 342 dollari (318 euro) rispetto all’anno scorso.

© 2017 – Bloomberg

Mostra commenti ( )