La conferenza stampa contro i vaccini alla Camera

L'ha organizzata un deputato del nuovo partito di Bersani e Speranza, che sostiene che i vaccini siano legati all'autismo: e molti pensano che non sia il caso

(ANSA)

Domani nella sala stampa della Camera dei Deputati si terrà una conferenza stampa che oggi ha agitato un pezzo della politica italiana, in mancanza di cose più importanti: è intitolata “Libertà di scelta per vaccinarsi in sicurezza” – un titolo precedente promuoveva «l’altra verità» sui vaccini – ed è stata organizzata da Adriano Zaccagnini, deputato di MDP, il partito fondato dai politici che qualche settimana fa sono usciti dal PD, tra cui Pier Luigi Bersani e Roberto Speranza. La conferenza sta facendo discutere perché Zaccagnini sui vaccini ha sostenuto spesso argomenti notoriamente falsi – per esempio che abbiano un legame con l’autismo o che l’Agenzia Italiana del Farmaco nasconda i dati sulle reazioni avverse alle vaccinazioni – e ha organizzato in passato iniziative simili promuovendo opinioni e teorie smentite e cospirazioniste.

Zaccagnini è stato eletto in Parlamento nel 2013 con il Movimento 5 Stelle; poi è passato prima nel gruppo di Sinistra Italiana e ora in MDP. I suoi colleghi di partito si sono dissociati dall’iniziativa, dicendo che è una «iniziativa personale». Francesco Laforgia, capogruppo del MDP alla Camera, ha detto che «come gruppo e come movimento sosteniamo i vaccini senza nessuna ambiguità. È stato scorretto da parte del nostro deputato non avvisarci prima della sua iniziativa, sono sbavature che non ci possiamo permettere». Giuditta Pini del PD ha scritto su Facebook che «la loro teoria è che i vaccini non siano sicuri e quindi siano pericolosi, e mischiando dati senza contraddittorio fanno in buona sostanza disinformazione e confusione. La cosa più grave è che la Camera, dopo l’enorme lavoro fatto in questi anni dalla commissione Affari sociali sull’informazione e la diffusione della pratica vaccinale, ospiti questo evento. La cosa più triste è che sia stato organizzato da un deputato di MDP». Pini ha chiesto inizialmente alla presidente della Camera, Laura Boldrini, di valutare se concedere gli spazi della Camera, ma la sala stampa della Camera è nella disponibilità dei deputati e non della presidenza.

Repubblica ha intervistato Zaccagnini, che ha confermato di voler fare la conferenza stampa e ha ribadito le sue opinioni sui vaccini, su cui dice di avere «una posizione intermedia» e ribadisce che «da alcuni dati ufficiali del governo americano sembrerebbe» che esista un legame tra vaccini e autismo. In realtà non esistono dati del genere, e il legame tra vaccini e autismo si deve a una delle più grandi frodi scientifiche degli ultimi cent’anni.

«Ho approfondito e penso che l’informazione su questo tema non sia completa”.

E che cosa non si sa, secondo lei?
“Ad esempio che l’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, non fa vaccinovigilanza né attiva né passiva dal 2014, cioè da quell’anno non dà più segnalazioni sulle reazioni avverse dei vaccini”.

L’Aifa invece dice che i gruppi sulla vaccinovigilanza si riuniscono regolarmente e svolgono questa attività. Anzi l’hanno rafforzata a livello regionale proprio dal 2014.
“I dati non sono pubblicati”.

Ma sono disponibili a chi ne fa richiesta. Che altro contesta?
“Il fatto che i vaccini non si dovrebbero somministrare ai bambini tutti assieme. Andrebbero spacchettati”.

Il professor Burioni sostiene che a un essere umano potrebbero essere somministrati anche 10mila vaccini contemporaneamente e in tutta sicurezza. E inoltre dice che il profilo dei partecipanti al suo convegno è chiaramente antivaccinista.
“Ripeto. Non sono contro i vaccini. Voglio solo che si faccia chiarezza su un tema così delicato. Non si parla ad esempio del giro d’affari delle case farmaceutiche”.

Nel 2015 la spesa sostenuta dal Servizio Sanitario Nazionale per i vaccini rappresentava circa l’1.4% del totale. Non le sembra poco per gridare al complotto?
“L’obiettivo del mio operato è avere vaccini sicuri. La scienza ci deve rassicurare”.

Il professor Burioni di cui parla Repubblica è Roberto Burioni, un medico che cura una pagina Facebook di divulgazione scientifica molto popolare e seguita. Burioni ha scritto questo, sulla conferenza stampa di Zaccagnini:

Il numero delle vaccinazioni in Italia da anni è pericolosamente in calo, anche a causa della diffusione di teorie prive di evidenze scientifiche come quella che li lega all’autismo. Il mese scorso un comunicato del ministero della Salute ha definito “preoccupante” l’aumento del numero di casi di morbillo in Italia, dovuto principalmente a una sensibile riduzione delle vaccinazioni, il sistema più efficace per tenere sotto controllo il virus che causa la malattia. Anche per questo motivo, e per evitare il contagio dei bambini troppo piccoli per vaccinarsi, o che non possono farlo per motivi di salute, alcune regioni italiane stanno permettendo l’accesso agli asili nido e alle scuole solo ai bambini vaccinati.

 

Mostra commenti ( )