UBER-BLACK-ROMA
  • Italia
  • venerdì 7 aprile 2017

È la fine di Uber in Italia?

Il Tribunale di Roma ha bloccato il servizio con le berline nere, quello di Torino ha bloccato Uber Pop: Uber dice che offrirà i suoi servizi anche nei prossimi giorni

UBER-BLACK-ROMA
(GEOFFROY VAN DER HASSELT/AFP/Getty Images)

Il Tribunale di Roma ha deciso, accogliendo il ricorso di varie associazioni di tassisti, che diversi servizi di Uber – il servizio di trasporto privato a metà tra il taxi e il noleggio di auto con autista – fanno concorrenza sleale e devono essere sospesi in tutta Italia entro dieci giorni. La decisione si aggiunge a un’altra del Tribunale di Torino di poche settimane fa, con cui era stato ribadito il divieto per il servizio Uber Pop. Di conseguenza in questo momento l’uso dei servizi di Uber per muoversi in città è di fatto vietato in Italia.

I servizi di Uber che dovranno essere sospesi dopo la decisione del Tribunale di Roma sono Uber Black (attivo a Milano e Roma: quello con auto berline e autisti professionisti) e altri simili come Uber-Lux, Uber-Suv, Uber-X, Uber-XL, UberSelect, Uber-Van. Uber dovrà anche pagare una penale – non è ancora chiara la cifra – e ogni autista che dovesse continuare a offrire uno dei servizi in questione oltre il decimo giorno da oggi dovrà pagare una multa di 100 euro per ogni giorno di ritardo.

Uber Italia ha commentato così la decisione, confermando che rimarrà attiva nei prossimi dieci giorni e che farà appello contro la sentenza.

Siamo allibiti per quanto annunciato dall’ordinanza che va nella direzione opposta rispetto al decreto Milleproroghe e alla normativa europea. Faremo appello contro questa decisione, basata su una legge vecchia di 25 anni e che non rispecchia più i tempi, per permettere a migliaia di autisti professionisti di continuare a lavorare grazie all’app di Uber e alle persone di avere maggiore scelta.

Ora il governo non può perdere altro tempo ma deve decidere se rimanere ancorato al passato, tutelando rendite di posizione, o permettere agli italiani di beneficiare di nuove tecnologie come Uber.

Il 22 marzo il Tribunale di Torino aveva vietato l’utilizzo in tutta Italia del servizio Uber Pop: quello in cui gli autisti non sono professionisti (ma persone “normali”, che hanno passato una selezione) e le auto sono le loro auto private, usate per portare in giro altra gente. Il Tribunale aveva spiegato di aver vietato «la prestazione di un servizio – comunque denominato e con qualsiasi mezzo promosso e diffuso – che organizzi, diffonda e promuova da parte di soggetti privi di autorizzazione amministrativa e/o di licenza un trasporto terzi dietro corrispettivo su richiesta del trasportato, in modo non continuativo o periodico, su itinerari e secondo orari stabiliti di volta in volta». Nel caso di Torino la decisione era arrivata dopo una causa intentata da Uber nei confronti delle associazioni di tassisti.

Mostra commenti ( )