• Italia
  • lunedì 3 aprile 2017

Matteo Renzi ha vinto la prima fase del congresso del PD

Non ci sono ancora i dati ufficiali, ma l'ex segretario è arrivato nettamente al primo posto: seguono Andrea Orlando e Michele Emiliano con una percentuale piuttosto bassa

Matteo Renzi vota in un circolo del PD di Firenze, 24 marzo 2017 (Lo Debole/Bianchi)

Domenica 2 aprile si è concluso il voto nei circoli degli iscritti del Partito Democratico, e cioè la prima fase del congresso per eleggere un nuovo segretario del partito. Non ci sono ancora i dati ufficiali, ma i comitati dei tre candidati concordano nel dire che abbia vinto Matteo Renzi, segretario uscente ed ex presidente del Consiglio. Al secondo posto è arrivato il ministro della Giustizia Andrea Orlando, mentre il presidente della Puglia Michele Emiliano dovrebbe aver superato di poco il 5 per cento dei voti, quota minima per accedere alla seconda fase del congresso aperta a tutti gli elettori e le elettrici: le cosiddette “primarie”.

L’ordine di arrivo dei candidati non è dunque in discussione; non ci sono ancora dati ufficiali invece sulle percentuali di ciascuno e la quota degli iscritti che hanno votato. Oggi, lunedì 3 aprile, la commissione che ha controllato l’andamento del voto dovrebbe comunicare i risultati ufficiali. I principali giornali dicono che secondo gli ultimi dati forniti dal comitato di Matteo Renzi, lo stesso Renzi avrebbe raggiunto il 68 per cento dei consensi, Orlando il 25 e Emiliano circa il 6. Il comitato di Andrea Orlando dice che Renzi è intorno al 62 per cento, Orlando vicino al 30 e Emiliano all’8. Dati molto simili a questi ultimi sono stati comunicati dal comitato di Emiliano. Qualche ora fa YouTrend ha pubblicato una proiezione sul risultato basata su 100 mila voti.

Il voto nei circoli è servito a eleggere i delegati alle convenzioni provinciali (che si riuniranno il 5 aprile), che a loro volta eleggeranno i delegati alla convenzione nazionale. Questo organismo si riunirà una sola volta il 9 aprile per verificare i dati riportati nei circoli dai singoli candidati a segretario e stabilire chi di loro potrà essere ammesso alle primarie. Lo statuto del PD dice che «risultano ammessi all’elezione del segretario nazionale i tre candidati che abbiano ottenuto il consenso del maggior numero di iscritti purché abbiano ottenuto almeno il cinque per cento dei voti validamente espressi e, in ogni caso, quelli che abbiano ottenuto almeno il quindici per cento dei voti validamente espressi e la medesima percentuale in almeno cinque regioni o province autonome». Le primarie si terranno infine il 30 aprile con un turno unico.

Con i dati ancora provvisori sono anche arrivati i primi commenti. Per Lorenzo Guerini, vice segretario del PD, il risultato è molto positivo: «Tutti dicevano che tra gli iscritti Renzi sarebbe stato debole invece ha avuto un’affermazione eclatante. La base del PD ha espresso un giudizio inequivocabile: Renzi è per gli iscritti il segretario in cui ripongono la loro fiducia. Le dimensioni del risultato sono importanti, per certi versi sorprendenti. È un ottimo viatico per le primarie del 30 aprile». Orlando ed Emiliano hanno fatto notare che l’affluenza è stata bassa, avrebbe cioè votato un iscritto su due. Scrive il Corriere: «In quattro anni, durante l’intera gestione Renzi, il PD avrebbe perso più di 100 mila tesserati: erano 539.344 nel 2013, sono circa 420 mila oggi. Dati del comitato Orlando che ha lamentato che solo 292 mila sono effettivamente registrati nell’anagrafe degli iscritti mentre sugli altri sono in corso accertamenti. Perciò, secondo loro, i renziani, se parlano di affluenza al voto nei circoli preferiscono le percentuali ai numeri assoluti, perché il calo degli iscritti è palpabile in tutta Italia: in Emilia-Romagna, il Pd è passato da 82.098 tessere nel 2012 a 33.454 nel 2016». Emiliano ha denunciato inoltre che i voti nei circoli si sono ridotti a «una conta delle tessere», e ha annunciato di puntare sopratutto sulle primarie aperte. I comitati di Orlando ed Emiliano hanno infine accennato a irregolarità che si sarebbero verificate in alcuni circoli, ma per ora nessuno ha detto di avere intenzione di presentare ricorso.

Mostra commenti ( )