• Video
  • giovedì 23 marzo 2017

I troll di internet, visti da vicino

Che faccia ha e come si comporta di persona, uno che dice che i bianchi dovrebbero preoccuparsi di preservare la purezza della loro razza?

Perché così tante persone usano internet per molestare e minacciare altre persone, forzando i limiti della libertà di espressione?
Il regista Kyrre Lien li chiama “i guerrieri di internet”. Per la realizzazione del suo breve documentario, realizzato per il Guardian, Lien ha incontrato un gruppo di persone con opinioni molto forti provenienti da cinque diversi paesi del mondo (vivono nel Regno Unito, in Norvegia, in Libano, negli Stati Uniti, in Russia), e le ha messe davanti a quello che avevano scritto online.
I protagonisti del video passano molto tempo online discutendo animatamente dei temi a cui tengono di più. I social network e gli spazi dedicati ai commenti sono il loro strumento preferito per esprimere le loro opinioni, cosa che fanno in modi che altre persone potrebbero ritenere sgradevoli e discutibili e usando spesso un linguaggio offensivo.
La domanda a cui cerca di rispondere il video è: si comportano così anche offline, dal vivo? Sono fieri dei loro post e commenti violenti?
Si scopre, tra le altre cose, che c’è chi sinceramente non pensa sia razzista dire che è necessario preservare la purezza della propria razza, e chi odia gli immigrati, ma ne ha sposata una.
C’è chi è certo – con appellativi coloriti – che Hillary Clinton sarà incarcerata «come merita» e rivendica lo scrivere a Mitt Romney «sei feccia, grazie per non aver aiutato Trump per niente», chi spera che David Cameron sia ucciso dall’ISIS, e chi dice che «aspettarsi che l’America ti porti la democrazia è come aspettarsi che il diavolo ti porti in paradiso». C’è chi è in imbarazzo e cerca di giustificarsi per quello che ha scritto online e c’è chi ne è orgoglioso.