Il padre di Matteo Renzi
  • Italia
  • venerdì 17 febbraio 2017

Perché Tiziano Renzi è indagato

Per "traffico di influenze", un reato che esiste da poco: la storia riguarda un filone secondario dell'inchiesta sugli appalti in CONSIP

Il padre di Matteo Renzi
Il padre di Matteo Renzi, Tiziano, passeggia vicino alla Galleria Colonna a Roma 23 dicembre 2014 (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Tiziano Renzi, padre dell’ex presidente del Consiglio e attuale segretario del PD Matteo Renzi, è indagato dalla procura di Roma per il reato di traffico di influenze nell’inchiesta sugli appalti CONSIP, la società pubblica che dipende dal ministero dell’Economia e delle Finanze e che si occupa di centralizzare gli acquisti di beni e servizi per le pubbliche amministrazioni. Tiziano Renzi ha ricevuto giovedì 16 febbraio un invito a comparire e sarà interrogato, secondo quanto scrivono i principali giornali, la prossima settimana.

Il procedimento in cui è coinvolto Tiziano Renzi è uno stralcio dell’inchiesta principale per corruzione in CONSIP avviata dalla procura di Napoli e in cui è coinvolto l’imprenditore Alfredo Romeo (Romeo, per una vicenda legata all’appalto per le pulizie all’ospedale Cardarelli, è indagato anche per concorso esterno in associazione mafiosa). Dall’indagine principale, il filone in cui è coinvolto anche Tiziano Renzi è stato trasferito a Roma per competenza territoriale. A fine dicembre in questo filone secondario erano già stati indagati Luca Lotti, ministro dello Sport con delega all’editoria e al Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe), il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette e il comandante della Legione Toscana dei carabinieri, il generale Emanuele Saltalamacchia. Nei loro confronti la procura ha ipotizzato i reati di rivelazione del segreto d’ufficio e favoreggiamento: Luigi Marroni, ex assessore alla Sanità della Toscana e nominato da Renzi amministratore delegato di CONSIP, aveva detto ai magistrati che Lotti, all’epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio, e gli altri due indagati lo avevano avvertito di un’indagine che riguardava lui e la CONSIP. Quando infatti lo scorso dicembre gli investigatori sono entrati nella sede della CONSIP gli uffici erano stati bonificati dalle cimici.

Il traffico di influenze è un reato che esiste da pochi anni: è stato inserito nel codice penale italiano nel 2012 ed è regolato dall’articolo 346 bis: prevede che chiunque «sfruttando relazioni esistenti con un pubblico ufficiale o con un incaricato di un pubblico servizio, indebitamente fa dare o promettere, a sé o ad altri, denaro o altro vantaggio patrimoniale, come prezzo della propria mediazione illecita verso il pubblico ufficiale o l’incaricato di un pubblico servizio ovvero per remunerarlo, in relazione al compimento di un atto contrario ai doveri di ufficio o all’omissione o al ritardo di un atto del suo ufficio, è punito con la reclusione da uno a tre anni». Il reato ha cioè a che fare con chi fa da mediatore per un accordo in cui ci sia corruzione sfruttando il proprio rapporto di amicizia o parentela con un pubblico ufficiale o qualcuno con un’importante carica.

Tiziano Renzi è accusato in particolare di aver avuto il ruolo di mediatore per la concessione di una serie appalti all’imprenditore napoletano Alfredo Romeo, e di averlo fatto in concorso con Carlo Russo, un imprenditore amico di famiglia con delle società a Scandicci, in provincia di Firenze. Il Corriere dice che a Tiziano Renzi contesteranno «quanto emerso da numerosi colloqui intercettati: trattative e incontri per aggiudicarsi le commesse della CONSIP e in particolare la gara di Facility management del valore di 2,7 miliardi di euro bandita nel 2014». Le intercettazioni a cui si fa riferimento riguardano Romeo e il suo collaboratore Italo Bocchino, ex parlamentare di Alleanza Nazionale: nel decreto di perquisizione contro Romeo ordinato dalla procura di Napoli la scorsa settimana, risulterebbe che Romeo e Bocchino abbiano parlato di come hanno gestito diverse gare di appalto facendo anche i nomi delle persone con le quali hanno intrattenuto rapporti «con le solite costanti modalità, contribuendo e provvedendo fattivamente lo stesso Bocchino a dare indicazioni a Romeo su quando e come pagare con denari e altre utilità». In queste telefonate si faceva riferimento anche ai cosiddetti “mediatori” o “facilitatori” che sono diventati centrali nel filone di indagine trasferito a Roma.

Marco Lillo, giornalista del Fatto Quotidiano che per primo aveva dato la notizia delle indagini a carico di Luca Lotti, scrive oggi che Tiziano Renzi e Carlo Russo avrebbero usato la loro influenza sull’amministratore delegato di CONSIP Luigi Marroni per indurre Alfredo Romeo, interessato all’appalto di Facility management, a promettere pagamenti nei loro confronti. La società di Romeo è poi risultata prima in graduatoria per l’assegnazione dei tre lotti dell’appalto che è in attesa di aggiudicazione. Lillo scrive anche che nelle intercettazioni tra Romeo e Russo si fa spesso riferimento al padre di Matteo Renzi. Dice infine che la scorsa settimana, durante una perquisizione dell’indagine principale, in una discarica è stato trovato una specie di “diario delle tangenti” di Alfredo Romeo, cioè dei pezzi di carta con scritte le iniziali dei nomi delle persone e dei destinatari delle tangenti, compreso l’importo e la causale. Marco Lillo sostiene che in uno di questi foglietti ci siano le iniziali di Tiziano Renzi e Carlo Russo corrispondenti a una cifra di 30 mila euro: «Secondo le ipotesi degli inquirenti Russo potrebbe aver concordato con Romeo di dare 30 mila euro al mese a “T.” alias Tiziano Renzi». Lillo scrive comunque che i pagamenti ipotizzati per Tiziano Renzi non si sono verificati.

Tiziano Renzi ha confermato di aver «ricevuto l’avviso a comparire che ipotizza “il traffico di influenza”. Ammetto la mia ignoranza ma prima di stamattina neanche conoscevo l’esistenza di questo reato che comunque non ho commesso essendo la mia condotta assolutamente trasparente come i magistrati – cui va tutto il mio rispetto – potranno verificare. I miei nipoti sono già passati da una vicenda simile tre anni fa e devono sapere che il loro nonno è una persona perbene: il mio unico pensiero in queste ore è per loro».

Mostra commenti ( )