schermata-2016-12-18-alle-15-36-32
  • Auto
  • domenica 18 dicembre 2016

Perché le auto hanno smesso di avere una forma squadrata?

Solo negli anni Novanta le macchine hanno iniziato ad essere arrotondate ed è una questione più pratica che estetica

Per molto tempo, tra gli anni Settanta e i Novanta, tutte le case automobilistiche producevano automobili dalle forme squadrate e spigolose. Dall’inizio degli anni Novanta le auto sono diventate improvvisamente tutte tondeggianti, e le auto squadrate sono scomparse dal mercato. Ancora oggi quasi la totalità delle auto in circolazione ha forme curve e aerodinamiche. Le Buick LeSabre del 1991 e del 1992, ad esempio, pur essendo lo stesso modello di macchina, sono esteticamente molto diverse, proprio perché prodotte con due stili opposti.

Un video di Vox ha provato a spiegare il perché di questo cambio netto nella costruzione delle auto. Il video mostra come le auto dalle forme curve non erano una vera novità. Solo dalla fine degli anni Sessanta in poi le macchine hanno iniziato a diventare squadrate. La nuova forma, dovuta principalmente a un cambio di gusto nei consumatori, aveva però lo svantaggio di essere molto poco aerodinamica e di consumare quindi più carburante. Se inizialmente questo non sembrava essere un problema, con la crisi petrolifera e l’innalzamento del prezzo della benzina negli anni Settanta molti produttori, soprattutto in Europa, cominciarono a ripensare il modo in cui costruire le proprie auto. Una delle prime macchine curve della Ford, la Sierra, progettata nel 1982 da Uwe Bahnsen, fu stroncata dai critici proprio perché troppo diversa da tutti gli altri modelli in commercio. Fu solo con la Ford Taurus del 1986 che la forma arrotondata si impose nella maggior parte dei modelli.