nes-1-2

Com’è il Nintendo Classic Mini?

È uscita la nuova versione di una delle console per videogiochi più famose e vendute di sempre, che punta sulla nostalgia (e lo fa bene)

nes-1-2

Dall’11 novembre è in vendita in Italia il Nintendo Classic Mini: Nintendo Entertainment System (NES), una nuova console per videogiochi prodotta dalla casa giapponese Nintendo, replica di quella famosissima e vendutissima che uscì nel 1983. Il nuovo NES è molto diverso dalle console che vengono introdotte sul mercato dalle principali società che le producono, da Sony a Microsoft alla stessa Nintendo: è infatti una riproduzione in miniatura del NES di trent’anni fa, con gli stessi giochi, la stessa grafica e una serie di modifiche che rendono più facile giocarci con le televisioni moderne.

Il nuovo NES non è pensato per essere una console concorrente a Playstation o Xbox, ma soprattutto per suscitare nostalgia nelle persone che erano bambine negli anni Ottanta e sono cresciute con i giochi del vecchio NES. Costa solo 60 euro, molto meno rispetto alle altre console, e basta collegarlo alla televisione per cominciare a giocare (i giochi sono già installati): è stato fatto uscire prima di Natale proprio perché Nintendo spera che molti comprino il NES come regalo, visto il prezzo accessibile.

Il Nintendo Entertainment System che uscì nel 1983 in Giappone, e nel 1985 negli Stati Uniti, arrivò in un momento in cui l’industria dei videogiochi non andava bene. Il mercato era completamente deregolamentato e c’erano moltissime console e altrettanti giochi scadenti. Qualcuno suggerì perfino che quella dei videogiochi fosse una bolla destinata a scoppiare in fretta. Poi arrivò il NES, con il quale Nintendo introdusse un sistema di licenze a società terze per la realizzazione dei giochi compatibili che è tuttora lo standard nell’industria videoludica. Il risultato fu che i giochi che uscivano per il NES erano controllati e più belli. “Nintendo” diventò in moltissime famiglie americane un sinonimo di “videogiochi”, e il NES fu la console più venduta di quegli anni.

Da anni esiste un mercato relativamente vivace nel settore dei videogiochi d’epoca, degli anni Settanta, Ottanta e Novanta. Oltre a chi cerca vecchi videogiochi e console, anche rari, per collezionismo, ci sono moltissimi appassionati che amano giocare ai vecchi giochi, soprattutto a quelli Nintendo, e che finora lo hanno fatto utilizzando dei programmi appositi per i computer, conosciuti come emulatori, che però spesso presentano problemi e per qualcuno sono complicati da installare. Nintendo, che negli anni Ottanta produsse i videogiochi migliori di quell’epoca – dai Super Mario ai Donkey Kong ai Mario Kart – ha pensato il nuovo NES proprio per il mercato dei nostalgici dei videogiochi degli anni Ottanta, che però vogliono giocare ai vecchi titoli in un modo più facile e stabile, sulla propria televisione.

nes-1(Punch-Out!! Featuring Mr. Dream)

Il nuovo NES è molto semplice: c’è un tasto di accensione, un tasto di reset, un’uscita HDMI, l’uscita per l’alimentazione e quelle dei due controller. Il fatto che abbia un’uscita HDMI è stato molto apprezzato da Christopher Grant su Polygon, che ha notato come le uscite di altre console simili, come le Atari Flashback, rendano impossibile o perlomeno complicato giocarci sulle televisioni più nuove. L’hardware è quindi molto semplice, un segnale che Nintendo ha voluto mantenere la caratteristica che probabilmente ha reso il NES così di successo. Il controller è uguale a quello vecchio, con tanto di cavo: il problema è che è cortissimo, e bisogna per forza spostare sul pavimento la console per giocarci dal divano. Il fatto che Nintendo non abbia previsto dei controller wireless dipende sicuramente dalla volontà di mantenere bassi i prezzi ma è comunque un problema, tanto che Kotaku ha intitolato la sua recensione «Il NES Classic di Nintendo è una grande console con un’enorme problema», riferendosi proprio al cavo.

nes-3(The Legend of Zelda)

Una volta accesa la console, giocarci è semplicissimo: si sceglie uno dei 30 giochi già installati, si gioca, e quando si vuole smettere si può salvare e uscire (una cosa nuova, per questi videogiochi, e molto utile). I giochi installati sono tutti grandi classici e non ce ne sono di “riempitivi”, dice Grant, come spesso succede con questo tipo di console. I giochi sono Balloon Fight, Bubble Bobble, Castlevania, Castlevania II: Simon’s Quest, Donkey Kong, Donkey Kong Jr., Double Dragon II: The Revenge, Dr. Mario, Excitebike, Final Fantasy, Galaga, Ghosts’n Goblins, Gradius, Ice Climber, Kid Icarus, Kirby’s Adventure, Mario Bros., Mega Man 2, Metroid, Ninja Gaiden, Pac-Man, Punch-Out!! Featuring Mr. Dream, StarTropics, Super C, Super Mario Bros, Super Mario Bros. 2, Super Mario Bros. 3, Tecmo Bowl, The Legend of Zelda, Zelda II: The Adventure of Link. Tra quelli che mancano il principale è Metal Gear, il primo della serie omonima, insieme a Contra, che è stato sostituito dal sequel Super C.

nes-2(Donkey Kong)

Ci sono anche i manuali dei singoli giochi in formato digitale: più per nostalgia che per una loro reale utilità, visto che sono giochi molto semplici a cui molti di noi hanno giocato moltissime volte. Non c’è la possibilità di scaricare nuovi giochi, né di inserire le vecchie cartucce Nintendo. Molti giochi danno la possibilità di giocare in due: serve il secondo controller, che si deve acquistare a parte. Sul Guardian, Keith Stuart è rimasta entusiasta del nuovo NES: gli ha dato cinque stelle su cinque, scrivendo che «a 60 euro, questo adorabile apparecchio è davvero un librone da salotto interattivo; è una celebrazione visuale della nascita delle console per videogiochi, del loro passato, della loro bellissima innocenza».

Mostra commenti ( )