NATO Defense College

L’Italia manderà dei soldati al confine con la Russia

140 militari verranno mandati in Lettonia nell'ambito di una missione NATO, ha confermato il governo: la Russia non l'ha presa bene

NATO Defense College
ANSA/GIUSEPPE LAMI

Il governo italiano ha detto che nei prossimi mesi invierà un contingente di soldati al confine con la Russia nell’ambito di una missione della NATO. La notizia era stata anticipata questa mattina dal segretario generale della NATO Jens Stoltenberg in un’intervista pubblicata sulla Stampa. Nel pomeriggio è stata confermata da Stoltenberg e dal ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni durante una conferenza stampa tenuta a Roma.

La notizia ha generato molte polemiche: l’Italia è uno dei paesi dell’Europa occidentale più legati alla Russia per ragioni storiche ed economiche. I critici del governo temono che la Russia – che comunque negli ultimi anni ha portato avanti una politica estera a dir poco aggressiva – possa ritenere la mossa dell’Italia una provocazione. Il governo russo, nel frattempo, ha già fatto sapere la sua: Maria Zakharova, la portavoce del ministero degli Esteri russo, ha detto all’ANSA: «la politica della NATO è distruttiva. L’Alleanza è impegnata nella costruzione di nuove linee di divisione in Europa invece che di profonde e solide relazioni di buon vicinato». Il ministro della Difesa Roberta Pinotti ha però sottolineato che l’Italia si è limitata a rispettare una richiesta della NATO, e che la linea del governo non è cambiata ed «è sempre stata quella di dire che ci vuole il dialogo. Pensiamo che con la Russia si debba dialogare».

Gentiloni ha precisato che nell’ambito della missione NATO l’Italia invierà 140 soldati, che saranno di base in Lettonia e saranno al comando del più ampio contingente canadese. Pinotti ha spiegato che l’invio di soldati italiani fa parte di un accordo preso a luglio durante il summit della NATO tenuto a Varsavia, in Polonia, nel quale si parlava già della situazione dei paesi baltici, anche se in termini piuttosto generici. Da giorni, comunque, era trapelata la notizia che il fronte sarebbe stato rinforzato. Secondo il Guardian a luglio la NATO ha approvato l’invio nei paesi baltici di quattro contingenti militari multinazionali guidati da quattro paesi: uno dagli Stati Uniti – che stando al Guardian ha il contingente più ampio, composto da mille soldati – in Polonia; un altro dal Regno Unito in Estonia; e altri due comandati da Canada e Germania rispettivamente in Lettonia e Lituania. A inizio settembre il generale canadese Jonathan Vance, il capo delle forze di difesa dell’esercito canadese, ha confermato al Toronto Star che la missione canadese in Lettonia stava “prendendo forma” e che diversi paesi si erano detti disponibili a collaborare inviando forze militari: fra questi, Spagna, Polonia, Italia e Slovenia.

Diversi osservatori hanno fatto notare che nel caso la Russia decidesse di proseguire la politica estera estremamente aggressiva degli ultimi anni – durante i quali ha invaso e annesso la Crimea e fomentato una guerra civile nell’est dell’Ucraina – il suo obiettivo più probabile sarebbero le cosiddette repubbliche Baltiche: cioè Estonia, Lettonia e Lituania, in cui è presente una forte componente etnica russa (soprattutto nelle prime due). Tutti e tre i paesi fanno parte sia della NATO che dell’Unione Europea, e in questi mesi – anche a causa di minacciose esercitazioni militari ai propri confini – hanno spesso richiesto una maggiore attenzione della NATO al proprio territorio.

Mostra commenti ( )