Hillary Clinton ha vinto il primo dibattito

di Francesco Costa – @francescocosta

È andata meglio di Donald Trump, che si è trovato in difficoltà un paio di volte, dicono i primi sondaggi e i giornali: ma non è ancora chiaro se e quanto sposterà

(TIMOTHY A. CLARY/AFP/Getty Images)

Hillary Clinton e Donald Trump, i principali candidati alla presidenza degli Stati Uniti, si sono confrontati nel primo dibattito televisivo della campagna elettorale lunedì 26 settembre alle 21, quando in Italia erano le 3 del mattino di martedì 27. Era un dibattito molto atteso, che ha avuto due-tre scambi molto intensi ma niente di particolarmente irrituale o scoppiettante, pur in una campagna elettorale senza precedenti nella storia recente degli Stati Uniti: secondo i primi sondaggi e la gran parte degli osservatori e degli analisti, è andata nettamente meglio Hillary Clinton, candidata del Partito Democratico. Un sondaggio di CNN dice che il 62 per cento degli spettatori ha preferito Clinton e il 27 per cento Trump, candidato del Partito Repubblicano; un altro dell’istituto PPP dice 51 a 40 per Clinton; altri due focus group danno risultati simili (i risultati dei sondaggi online, realizzati senza nessun metodo scientifico, non hanno invece nessun peso). Bisognerà aspettare ancora un po’ per avere dati più solidi, e qualche giorno per capire se e quanto il dibattito sposterà nei sondaggi statali e nazionali.

Hillary Clinton non è stata eccezionale ma non è nemmeno mai andata davvero in difficoltà, e quando si è parlato dello scandalo sulle email ha tentato di chiudere la discussione il prima possibile dicendo solo di aver fatto un errore e di assumersene la responsabilità. Donald Trump ha avuto un tono aggressivo per l’intero dibattito, interrompendo più volte Clinton, ma non ha trovato affondi decisivi o battute particolarmente efficaci: più di una volta è sembrato improvvisare, non ha mai fornito dettagli sulle sue vaghe proposte ed è andato in difficoltà quando si è parlato di tasse, della guerra in Iraq e delle teorie del complotto sul luogo di nascita di Obama. Inoltre, nei dibattiti tv conta molto come appaiono i candidati, oltre a quello che dicono: Donald Trump sembrava raffreddato e ha passato l’intero dibattito a tirar su col naso, mentre Clinton non sembrava qualcuno che a 68 anni ha appena avuto una polmonite.

L’economia, le tasse e gli accordi di libero scambio
La prima questione affrontata nel dibattito è stata l’economia, e soprattutto gli accordi commerciali di libero scambio che gli Stati Uniti hanno stipulato negli anni: un argomento su cui Trump è molto forte, avendo intercettato prima degli altri l’insofferenza degli americani per questi trattati dopo la crisi economica, e su cui Clinton è molto più debole, avendo sostenuto negli anni molti di questi accordi e promosso – prima di dissociarsene – quello con i paesi asiatici, il TPP, che deve essere ancora approvato dal Congresso. È stato probabilmente il miglior momento di Trump nell’intero dibattito, anche se non ha fornito dettagli quando il moderatore lo ha incalzato chiedendogli come vorrebbe costringere le imprese americane che hanno portato i loro stabilimenti all’estero a tornare negli Stati Uniti.

Trump ha più volte citato la sua esperienza e il suo successo da imprenditore, e Clinton ha cercato subito di cambiare discorso provocandolo e alludendo ai suoi molti fallimenti e al fatto che abbia ereditato moltissime risorse da suo padre; poi ha accusato Trump ricordando che è il primo candidato alla presidenza in quarant’anni a non avere diffuso le sue dichiarazioni dei redditi, fornendo una delle risposte più efficaci della serata e uscendo dall’angolo. Da tempo Trump dice di non poter diffondere le dichiarazioni dei redditi perché sono sotto esame dall’agenzia delle entrate (non è vero) ma poi ha detto: le diffonderò se Clinton diffonderà le email che ha cancellato.

– Clinton: «Perché non diffonde le sue dichiarazioni dei redditi? Ecco qualche ragione possibile. Primo, forse non è così ricco come dice di essere. Secondo, forse non è così generoso come dice di essere. Terzo, per quel poco che ne sappiamo, sappiamo che deve 650 milioni di dollari a Wall Street e a banche straniere. Oppure non vuole che sappiate che per anni non ha pagato le tasse federali»

– Trump: «Questo vuol dire che sono furbo»

– Clinton: «Ha pagato zero. Zero per i soldati, zero per i reduci di guerra, zero per le scuole e per gli ospedali. E credo che probabilmente per questo non sia contento di farci vedere le sue dichiarazioni dei redditi, perché dev’esserci qualcosa di importante, di terribile, che sta cercando di nascondere»

Quando si è arrivati a parlare della storia delle email, Clinton ha cercato di chiudere rapidamente la questione dicendo: «Ho fatto un errore. Se dovessi decidere adesso, farei ovviamente in un altro modo. Ma non voglio cercare scuse. È stato un errore e me ne prendo la responsabilità». Poi ha incalzato di nuovo Trump sulla sua dichiarazione dei redditi, e Trump ha preferito difendersi invece che incalzarla sulle email.

La bugia sul riscaldamento globale, prima di molte
Parlando di tasse e investimenti, Clinton ha accusato Trump di aver detto che il riscaldamento globale è «una bufala inventata dai cinesi». Trump l’ha interrotta: «Non è vero. Non l’ho detto».

In realtà Trump lo ha detto e più volte: ci sono ancora i tweet (circolavano voci online secondo cui li avesse cancellati in diretta: non è vero). È stata la prima di molte cose false o imprecise che Trump ha detto durante il dibattito, e Hillary più volte nelle sue risposte ha fatto riferimento ai fact-checkers augurandosi che smentissero quello che Trump stava dicendo («So che vivi nella tua realtà, ma i fatti non sono questi»); anche il moderatore del confronto, Lester Holt, un paio di volte ha contraddetto Trump.

Il razzismo e la violenza in America
La discussione si è spostata poi sulle questioni razziali in America, la diffusione delle armi e le violenze della polizia contro i neri. È stato il segmento più tranquillo del confronto: Clinton ha detto che «tutti dovrebbero essere rispettati dalla legge e tutti dovrebbero rispettare la legge», concentrandosi molto sui dettagli delle riforme che vorrebbe introdurre e secondo alcuni osservatori perdendo l’opportunità di scaldare e motivare gli elettori delle minoranze etniche, di cui ha bisogno per vincere; Trump ha detto che servono «legge e ordine» nel paese, ha difeso la pratica dello “stop-and-frisk” e ha accusato i Democratici per le condizioni degli afroamericani.

Lo “stop-and-frisk” è la pratica per mezzo della quale gli agenti di polizia possono fermare e perquisire qualsiasi cittadino: la pratica è stata giudicata incostituzionale (le persone venivano fermate soprattutto sulla base del colore della loro pelle) ma Trump ha detto prima che non è vero (falso) e poi che è successo solo perché «il giudice era molto anti-polizia». Sulle armi, invece, Trump ha dato una risposta più equilibrata di quanto molti pensassero: ha detto di essere d’accordo con alcune delle proposte di Clinton in tema e ha detto di voler togliere le armi a chi ha precedenti penali.

– Trump: «Gli afroamericani sono stati delusi dai politici. In campagna elettorale parlano bene e dicono cose sensate, come adesso. Dopo le elezioni dicono: ciao ciao, ci vediamo tra quattro anni cari afroamericani. Vengono usati solo per i voti. I Democratici governano quelle città da cento anni. Io sono andato a vedere come vanno le cose in posti come Detroit e Philadelphia. Tu hai deciso di restare a casa, va bene. Ma te lo dico. Io ho visto questi posti e ho incontrato persone eccezionali, e sono tutti molto molto arrabbiati con i politici e con quello che politici hanno fatto»

– Clinton: «Credo che Donald mi stia criticando per il fatto che mi sono preparata per questo dibattito. Sì, l’ho fatto. E sai per cosa altro mi sono preparata? Per fare il presidente. E credo sia una cosa buona»

La questione del “birtherism”
Si è parlato poi di un altro tema su cui Trump è apparso in difficoltà: la teoria del complotto sul luogo di nascita di Barack Obama che ha promosso per anni, senza nessuna prova, dissociandosene solo pochi giorni fa. Trump ha accusato Clinton di aver cominciato a far girare questa tesi, sostenendo quindi di averla risolta lui costringendo Obama a diffondere il suo certificato di nascita. È stato uno dei migliori momenti di Clinton, che ha lasciato parlare un Trump in difficoltà e poi è intervenuta iniziando la sua risposta così: «Fate attenzione a quello che avete appena ascoltato». Anche il moderatore ha incalzato Trump sul perché si sia dissociato da quella teoria solo adesso, visto che Obama ha diffuso il suo certificato di nascita nel 2011.

La politica estera, l’ISIS e gli attacchi informatici
La terza e ultima parte del dibattito si è concentrata sulla politica estera e la sicurezza. Trump ha attaccato Clinton per la caotica situazione del Medioriente, accusandola per l’intervento in Libia, la nascita e l’ascesa dell’ISIS e l’accordo con l’Iran sul nucleare, ma si è messo presto nei guai sostenendo di essere stato contrario fin dall’inizio alla guerra in Iraq: non è vero, e glielo hanno fatto notare sia Clinton che il moderatore. Trump ha detto che si tratta di «una bugia dei media fatta circolare da lei, perché il miglior alleato della sua campagna sono i media».

Trump ha poi dato alcune risposte piuttosto confuse sulla sicurezza informatica – a un certo punto ha citato suo figlio Barron, che «ha dieci anni ed è bravissimo con i computer» – e sul nucleare, nella quale a un certo punto ha detto che la Cina dovrebbe invadere la Corea del Nord. Clinton lo ha criticato per l’inconsistenza delle sue proposte, prima ancora che per il loro merito: «È come il suo piano sull’ISIS. Lui dice che è un piano segreto, ma l’unico segreto è che non ha nessun piano».

Le donne
In coda al dibattito c’è stato un altro momento favorevole a Clinton, quando il moderatore ha chiesto a Trump: «Lei ha detto in passato che Clinton non ha un aspetto presidenziale: ora è lì accanto a lei. Cosa intendeva?». Lo scambio è proseguito così:

– Trump: «Non ha l’aspetto. E non ha la resistenza. Non credo che abbia la resistenza fisica per farlo. Per fare il presidente di questo paese devi avere molta resistenza»

– Holt: «Lei ha detto che non ha un aspetto presidenziale»

– Trump: «Mi fa rispondere alla domanda? Dobbiamo essere in grado di negoziare accordi migliori sul libero scambio. Devi essere in grado. Col Giappone, con l’Arabia Saudita. […] Dobbiamo fare così tante cose e devi essere in grado di farle, e io non credo che Hillary abbia la resistenza»

– Clinton: «Beh, quando avrà viaggiato anche lui in 112 paesi, negoziato un trattato di pace, un cessate il fuoco, la liberazione di dissidenti politici, l’apertura di nuove opportunità per le nostre imprese, o anche solo passato 11 ore a testimoniare davanti a una commissione del Congresso, potrà parlare di resistenza anche lui»

Clinton è poi tornata sulla questione:

– Clinton: «Un’altra cosa. Ha cercato di cambiare discorso dall’aspetto alla resistenza. Ma questo è un uomo che ha chiamato le donne “cagne”, “maiali”. È uno che ha detto che le gravidanze sono un problema per i datori di lavoro».

Per chi vuole recuperare
Qui la trascrizione completa del dibattito, qui sotto il video integrale.

Cosa succede adesso
Il prossimo dibattito televisivo tra Hillary Clinton e Donald Trump si terrà il 9 ottobre a St. Louis, Missouri; il terzo e ultimo si terrà il 19 ottobre a Las Vegas, in Nevada. Il 4 ottobre si terrà a Farmville, Virginia, il confronto tra i candidati alla vicepresidenza, Mike Pence per i Repubblicani e Tim Kaine per i Democratici. Le elezioni presidenziali si terranno l’8 novembre.

Mostra commenti ( )