Petra

Chi scrive i libri che si vendono in Italia

Per metà sono scrittori professionisti, per metà youtuber, maestri di vita, persone famose e il Papa

Petra
(John Pratt/Getty Images)

Il mercato dei libri fa pensare agli scrittori, cioè a uomini e donne fatti a forma di scrittore che passano le loro giornate a inventare storie e a scrivere romanzi e racconti, che poi gli editori pubblicheranno. Intorno a loro, incontrastati protagonisti del mercato, si accalca un gruppo di semi abusivi, in posizione defilata per quanto rumorosa, composto da cuochi, cantanti, sportivi, youtuber, cioè da persone che vendono libri perché hanno una notorietà tale da interessare al pubblico. Per capire se è vero, e quale sia la realtà del mercato, abbiamo preso la classifica GFK dei libri più venduti in una settimana qualsiasi – quella da lunedì 9 a sabato 14 maggio 2016 – e analizzato le prime 200 posizioni dividendole per identità o mestiere degli autori, oltre che per genere di libro. I primi 200 libri venduti dal 9 al 14 maggio hanno venduto complessivamente 256.453 copie per un ricavo di 3 milioni 795 mila 674 euro (e un costo medio a copia di 14,8 euro).

La metà sono libri di non scrittori
Quasi la metà dei libri in classifica – precisamente 92 su 200 per 99.616 copie vendute e 1.411.637 euro di ricavi – non sono stati scritti da scrittori professionisti, ma da cantanti, giornalisti televisivi, youtuber, attrici, cuochi, oppure sono stati assemblati dagli editori, sono raccolte di fiabe, libri per bambini pieni di stick da incollare, o sono firmati da papa Francesco, che con 6 titoli nei primi 200 rappresenta una categoria editoriale indipendente.

Nella categoria «non scrittori» i più numerosi sono i libri per bambini e ragazzi, youtuber compresi: 20 in tutto, il 10 per cento del totale, con 18.781 copie vendute e un ricavo di 192.834 euro. Hanno venduto meno copie ma ricavato un po’ di più – 16.125 copie per 203.288 euro, con – i sei libri che parlano di felicità, self help o del magico potere del riordino, insomma quelli che hanno la pretesa di insegnare a vivere meglio. Sono 9 i libri di dieta e ricette – 10.009 copie per 151.793 euro – e come scritto ben 6 quelli del papa – 9.265 copie per 107.125 euro.  Soltanto 7 ma più forti sia per numero di copie che, soprattutto, per fatturato – 19.318 copie per 339. 312 euro – i libri scritti da persone che vengono dal mondo dello spettacolo – Ligabue, Franca Valeri, Roberto Vecchioni, Eros Ramazzotti e altri –, categoria che continua a tirare, per quanto probabilmente meno di qualche anno fa. In Italia sono invece ancora marginali i libri da colorare – soltanto 3 nei primi 200 – che nella seconda settimana di maggio hanno venduto complessivamente 1.555 copie.

Chi sono gli scrittori che vendono
Nelle prime 200 posizioni 108 libri sono stati scritti da persone che possono essere definite, a vario titolo, scrittori. Sono, cioè, persone che non sono famose per altre ragioni e che, indipendentemente da quanto vendano e dagli eventuali altri mestieri che svolgono, devono la loro notorietà pubblica al fatto di scrivere libri. Nella seconda settimana di maggio i libri scritti da scrittori hanno venduto 156.837 copie per 2.384.036 milioni di euro di ricavi. Sono stati 20 i libri per ragazzi nei primi 200 dal 9 al 14 maggio – 18.734 copie per 179.927 euro –, e 29 quelli classificabili tra i gialli o i thriller – 49.565 copie per 782.723 euro. Soltanto 35.750 copie e 595.051 euro di ricavi si devono, invece, alla cosiddetta narrativa letteraria, cioè a romanzi scritti da scrittori che un giorno, chissà, potrebbero anche vincere il Nobel (per capirci gente tipo Jonathan Franzen, Elena Ferrante, Elizabeth Strout o Banana Yoshimoto). Se la classifica della seconda settimana di maggio è indicativa – e non c’è ragione per cui, più o meno, non lo sia – la letteratura vale, quindi, un sesto del mercato.

La categoria letteraria di gran lunga più rappresentata in classifica è quella dei romanzi d’amore, rosa e meno rosa, che stravincono sia per copie vendute 52.788, un quinto del totale – che per fatturato – 826.424 euro. Nel mercato dei libri più venduti i romanzi che parlano d’amore valgono, ancora oggi, un quinto delle copie vendute e un quinto del fatturato. Più o meno, tra i primi 200 in Italia, un libro su cinque venduto e un euro su cinque incassato è per un libro che parla d’amore.

Mostra commenti ( )