Boris Giuliano: la storia dell’investigatore ucciso dalla mafia

Era il capo della squadra mobile della polizia di Palermo, e fu ucciso dal boss Leoluca Bagarella il 21 luglio del 1979

Boris Giuliano fu il capo della squadra mobile della polizia di Palermo alla fine degli anni Settanta, e venne ucciso dal boss mafioso Leoluca Bagarella il 21 luglio del 1979. Giuliano fu uno dei primi investigatori a capire che la Sicilia negli anni Settanta era diventata una tappa centrale per il traffico internazionale della droga controllato dalla mafia: collaborando con la polizia statunitense contribuì a iniziare una delle prime grandi indagini contro Cosa Nostra, quella che fu in seguito chiamata “Pizza Connection“. Boris Giuliano indagò anche sulla scomparsa del giornalista Mauro De Mauro e sul banchiere Michele Sindona.

La vita di Boris Giuliano

Giorgio Boris Giuliano era nato a Piazza Armerina, in provincia di Enna, il 22 ottobre 1930, figlio di un sottufficiale della Marina. Trascorse parte dell’infanzia in Libia, dove il padre era di stanza, fino al 1941, quando con la famiglia si trasferì a Messina: qui Giuliano studiò e nel 1956 prese la laurea in Giurisprudenza. Iniziò a lavorare per una piccola società manifatturiera, la Plastica italiana, e poi si trasferì a Milano con la famiglia.

Nel 1962 Giuliano vinse il concorso da ufficiale in polizia. Al termine del periodo di formazione, nel 1963 chiese di essere trasferito a Palermo: poco tempo dopo entrò a far parte della squadra mobile, dove avrebbe lavorato fino al giorno della sua morte, prima alla sezione omicidi e poi dal 1976 come dirigente, succedendo a Bruno Contrada. Giuliano portò a Palermo metodi di lavoro considerati innovativi per l’epoca, come le indagini sui conti bancari, oppure l’attenzione a non alterare la scena di un crimine rischiando di cancellare possibili prove. Giuliano, che parlava bene l’inglese, fu il primo poliziotto italiano a specializzarsi all’accademia dell’FBI in Virginia: nel corso del suo lavoro mantenne rapporti di collaborazione costante con i colleghi americani.

La scomparsa del giornalista Mauro De Mauro

Giuliano e la squadra mobile di Palermo indagarono su molte importanti vicende degli anni Sessanta e Settanta, tra cui la scomparsa del giornalista Mauro De Mauro avvenuta nel 1970. De Mauro scomparve nel 1970 mentre stava indagando sull’ultimo viaggio in Sicilia di Enrico Mattei, per conto del regista Francesco Rosi che stava lavorando al film Il caso Mattei. Prima di essere ucciso De Mauro aveva promesso a Rosi notizie importanti sugli ultimi giorni di Mattei, utili forse ad accreditare l’ipotesi che la morte del presidente di Mattei fosse stata causata da un attentato: una tesi sostenuta da Rosi nel suo film. Le indagini sulla sparizione di De Mauro furono condotte sia dai carabinieri, comandati da Carlo Alberto Dalla Chiesa, che dalla polizia e da Giuliano, che approfondì la pista che legava la scomparsa di De Mauro alla morte di Mattei.

Le indagini su Sindona e sui Corleonesi

Nel 1978 Boris Giuliano fu incaricato delle indagini sull’omicidio del boss mafioso Giuseppe Di Cristina, che da qualche mese aveva iniziato a passare informazioni ai carabinieri sulle gerarchie interne alla mafia e sulla lotta tra le famiglie Bontade-Inzerillo-Badalamenti e il gruppo dei “Corleonesi”. L’omicidio di Di Cristina è considerato il preludio della cosiddetta “seconda guerra di Mafia“, iniziata nel 1981 con l’omicidio del boss Stefano Bontade. Sul cadavere di Di Cristina furono trovati degli assegni che condussero Giuliano a indagare su un libretto di risparmio al portatore, che era stato usato da Michele Sindona.

Nello stesso periodo Giuliano stava indagando anche sul traffico internazionale di droga controllato dalla mafia. Giuliano aveva capito che in Sicilia l’oppio veniva trasformato in eroina prima di venire mandato negli Stati Uniti. Le prove arrivarono nel giugno 1979: all’aeroporto di Palermo, tra i bagagli di un volo arrivato da New York, furono trovate due valigie con 500 mila dollari in contanti, il prezzo di una partita di eroina pagato alle famiglie mafiose siciliane da quelle statunitensi. Poco tempo dopo all’aeroporto di New York gli investigatori americani sequestrarono eroina per un valore di dieci miliardi di lire, spedita da Palermo. L’8 luglio 1979, poi, Giuliano e gli agenti della squadra mobile scoprirono a Palermo un covo della mafia, dove trovarono armi, droga, foto che ritraevano vari boss corleonesi e gli effetti personali di Leoluca Bagarella. Un altro covo era stato scoperto pochi mesi prima: queste due operazioni avevano permesso di arrestare molti mafiosi appartenenti al gruppo dei corleonesi. In quelle settimane al centralino della Questura iniziarono ad arrivare telefonate anonime che minacciavano Giuliano di morte.

L’assassinio di Boris Giuliano

Boris Giuliano fu ucciso la mattina del 21 luglio 1979, mentre stava pagando il caffè appena bevuto al bar “Lux”, in via Di Blasi a Palermo. Gli furono sparati sette colpi di pistola alle spalle da un uomo che solo anni dopo fu identificato come Leoluca Bagarella. Bagarella fu condannato nel 1995 come esecutore dell’omicidio, gli altri boss dei corleonesi furono condannati come mandanti.

Secondo le testimonianze rese negli anni successivi dai mafiosi Tommaso Buscetta e Totuccio Contorno, che decisero di collaborare con i magistrati, le indagini di Giuliano sul traffico di droga furono la ragione principale, anche se non l’unica, che spinse Cosa Nostra a decidere di ucciderlo.
Il giudice Paolo Borsellino scrisse nell’ordinanza di rinvio a giudizio del maxi-processo alla mafia:

“Deve (…) ascriversi ad ennesimo riconoscimento della abilità investigativa di Giuliano se quanto è emerso faticosamente solo adesso,a seguito di indagini istruttorie complesse e defatiganti, era stato da lui esattamente intuito e inquadrato diversi anni prima. Senza che ciò voglia suonare critica ad alcuno, devesi riconoscere che se altri organismi statali avessero adeguatamente compreso e assecondato l’intelligente impegno investigativo del Giuliano, probabilmente le strutture organizzative della mafia non si sarebbero così enormemente potenziate e molti efferati assassini, compreso quello dello stesso Giuliano, non sarebbero stati consumati”.

Mostra commenti ( )