• Italia
  • sabato 16 aprile 2016

Referendum trivelle, che cosa succede il 17 aprile

Che le trivelle c'entrano poco, ma soprattutto su cosa si vota, come e perché

Preparativi in un seggio romano per il referundum , 16 aprile 2016 (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Il referendum “sulle trivelle” si svolgerà nei seggi di tutta Italia il 17 aprile.”Sulle trivelle” è tra virgolette perché benché sia così che il referendum ha finito per essere descritto, le trivelle in realtà c’entrano molto poco. Il referendum è stato convocato per decidere se abrogare una norma che attualmente permette di estendere le concessioni per estrarre gas o petrolio da piattaforme offshore entro 12 miglia dalla costa, fino all’esaurimento del giacimento. Il referendum, non era mai successo nella storia d’Italia, è stato richiesto dalle regioni invece che – come di solito avviene – tramite una raccolta di firme tra i cittadini.

Cosa chiede il referendum

La domanda del referendum chiede agli italiani se vogliono abrogare la parte di una legge che permette a chi ha ottenuto concessioni per estrarre gas o petrolio da piattaforme offshore entro 12 miglia dalla costa di rinnovare la concessione fino all’esaurimento del giacimento. Il quesito del referendum dice:

Volete voi che sia abrogato l’art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilita’ 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale”?

Il comma 17 del decreto legislativo 152 stabilisce che sono vietate le nuove «attività di ricerca, di prospezione nonché di coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi» entro le 12 miglia marine delle acque nazionali italiane, ma stabilisce anche che gli impianti che esistono già entro questa fascia possano continuare la loro attività fino alla data di scadenza della concessione. Questa concessione può essere prorogata fino all’esaurimento del giacimento. Il referendum, quindi, non riguarda nuove trivellazioni ma la possibilità per gli impianti già esistenti di continuare a operare fino a che i giacimenti sottostanti non saranno esauriti.

La scheda

scheda-referendum-trivelle

Cosa vuol dire SÌ e cosa vuol dire NO

Votare sì al referendum vuol dire esprimere parere favorevole all’abrogazione della parte di legge in questione, e quindi voler impedire il rinnovo delle concessioni per le estrazioni entro le 12 miglia quando arriveranno al termine attualmente previsto (si parla di anni, comunque): la complessa questione delle durate e rinnovi delle concessioni è spiegata meglio qui.

Votare no vuol dire invece preferire che la legge non cambi e le cose restino come sono ora: quindi che sia permesso il rinnovo delle attuali concessioni quando arriveranno al loro termine. Il rinnovo delle concessioni non vuol dire quindi che ne saranno permesse di nuove, ma che sarà permesso continuare con le estrazioni nei pozzi già esistenti fino al loro esaurimento.

Perché il risultato del referendum sia valido bisognerà raggiungere il quorum, cioè servirà che vada a votare il 50 per cento più uno degli aventi diritto. Dato che l’affluenza ai referendum è solitamente piuttosto bassa, la maggior parte dei politici contrari al referendum hanno invitato gli elettori a non andare a votare.

Per approfondire le ragioni per il SÌ e per il NO leggi anche:
Pro e contro il referendum sulle trivellazioni
 Referendum sulle trivellazioni: cosa votano i partiti?

Dove e quando si vota

Possono votare tutti i cittadini italiani maggiorenni e in possesso di una tessera elettorale. Per votare bisogna andare al proprio seggio elettorale – quello indicato sulla tessera elettorale personale – nel comune di residenza: con un documento e la suddetta tessera. I seggi saranno aperti il 17 aprile dalle 7 alle 23, ora in cui inizierà lo scrutinio delle schede. Chi non trovasse più la tessera può farne richiesta fino al giorno precedente il referendum presso gli uffici del proprio comune.

Per tutte le questioni pratiche sul referendum, leggi anche:
– Referendum sulle trivelle, come, dove e quando si vota

Mostra commenti ( )