• Auto
  • venerdì 1 aprile 2016

Com’è fatta la nuova Tesla

La Model 3 è il modello "di massa" del costruttore americano di auto elettriche, dal prezzo più abbordabile: arriva nel 2017

La nuova Tesla Model 3 (Tesla Motors via AP)

Giovedì sera a Hawthorne, California, il costruttore statunitense di auto elettriche Tesla Motors ha presentato il modello più importante del “piano elettrico” del suo co-fondatore, CEO e Product Architect, Elon Musk: la berlina di medie dimensioni Tesla Model 3. Per molte ragioni, è stata considerata nel settore una presentazione molto importante, sia per il futuro di Tesla che per quello delle auto elettriche in generale.

Musk ha detto che la Model 3 accelera da 0 a 100 km/h in meno di 6 secondi e che avrà un’autonomia certificata di almeno 215 miglia (cioè 346 km) tra una ricarica e l’altra. La Tesla Model 3 costerà 35mila dollari e già oltre 115mila clienti nel mondo l’hanno prenotata “a scatola chiusa” online e nei negozi Tesla, versando una caparra di 1.000 dollari (o 1.000 euro): è un numero enorme, specie perché le consegne cominceranno solo a fine 2017 negli USA e nel 2018 in Europa e Asia. Gli altri dati superano due delle critiche rivolte più spesso alle auto elettriche, cioè la scarsa autonomia e la bassa potenza.

Il design ricorda quello della berlina più grande Model S, con quattro porte e cinque posti, ma la Tesla Model 3 ha la coda più corta e non ha la griglia anteriore: soluzione possibile perché davanti non c’è un motore a scoppio da raffreddare. Altre particolarità sono il tetto completamente in vetro e la presenza di due bagagliai: uno davanti e uno dietro. A bordo, invece, la Model 3 non ha la classica strumentazione davanti al guidatore, sul cruscotto: tutte le informazioni relative al funzionamento dell’auto, alla navigazione e al sistema multimediale sono contenute in un display da 15” al centro della plancia. Musk ha detto che la Tesla Model 3 avrà di serie il sistema di guida semi-autonoma Autopilot, che sarà disponibile a due o quattro ruote motrici e che in futuro arriveranno versioni dell’auto ancora più potenti e veloci. Nei prossimi anni Tesla lancerà anche un crossover basato sulla stessa piattaforma della Model 3.

Dal 2003, anno della sua fondazione, ci sono stati solo tre modelli a marchio Tesla – la sportiva Roadster, prodotta dal 2008 al 2012, e le attuali Model S e Model X – costruiti in numeri abbastanza ridotti e venduti a prezzi molto alti: in Italia il listino della Model S parte da oltre 80mila euro. L’anno scorso la produzione è stata di circa 50mila auto. Con l’arrivo (con due anni in ritardo, peraltro) del crossover Model X, le cui consegne sono cominciate alla fine del 2015, Tesla prevede di raggiungere le 80-90mila auto nel 2016. La Model 3 è fondamentale per Tesla perché, grazie al suo prezzo abbordabile, dovrebbe aiutare a far crescere la produzione di Tesla fino a 500mila auto nel 2020. Anche a questi livelli, comunque, Tesla rimarrebbe un costruttore di piccole dimensioni rispetto ai rivali tedeschi Audi, BMW e Mercedes-Benz, che ogni anno costruiscono circa 1,8 milioni di auto ciascuno.

La Model 3 è importante anche da un punto di vista finanziario: fino a oggi, infatti, Tesla Motors è sopravvissuta soprattutto grazie alla fiducia degli investitori e non tanto per il successo della propria attività industriale. Nel 2015 i ricavi dell’azienda sono cresciuti del 26,5 per cento a 4,05 miliardi di dollari – quelli del comparto automobilistico del 24,4 per cento a 3,74 miliardi – mentre i costi sono aumentati molto di più, portando il risultato finanziario di fine anno a una perdita netta di oltre 888 milioni di dollari, tre volte superiore a quella dell’anno precedente. L’aumento dei costi è dovuto soprattutto agli investimenti che l’azienda sta facendo per batterie e stazioni di ricarica per le sue auto elettriche. A Reno, nel deserto del Nevada, Tesla sta costruendo la sua Gigafactory, un’enorme fabbrica che produrrà batterie agli ioni di litio per il mezzo milione di auto previste nel 2020. Con l’arrivo di un’elettrica “di massa” come la Model 3, inoltre, Musk ha detto che Tesla raddoppierà il numero delle sue stazioni di ricarica rapida e gratuita Supercharger nel mondo, portandole dalle attuali 3.500 a 7.000 entro la fine del 2017.

Mostra commenti ( )