CHINA-US-TELECOMMUNICATION-RETAIL-APPLE

Apple ha rimosso l'”Errore 53″

Era la criticata funzione che bloccava gli iPhone 6 se erano stati riparati da tecnici "non autorizzati" da Apple

CHINA-US-TELECOMMUNICATION-RETAIL-APPLE
(JOHANNES EISELE/AFP/Getty Images)

Apple ha diffuso un aggiornamento di iOS 9, il sistema operativo utilizzato dagli iPhone, che risolve l'”Errore 53“, un problema di cui si è parlato molto nelle ultime settimane: in pratica gli iPhone 6 si bloccavano definitivamente quando il sistema operativo che il telefono aveva subìto una riparazione “non autorizzata” da Apple. L’aggiornamento è disponibile in una versione aggiornata della versione 9.2.1 di iOS, in origine diffusa a gennaio.

L’esistenza dell’errore 53 non è mai stata comunicata ufficialmente da Apple prima che la notizia venisse diffusa da alcuni siti specializzati. Dopo qualche giorno di relativo mistero, Apple ha fatto sapere al Guardian che l’errore capitava a chi faceva riparare il suo telefono da tecnici non-Apple o a chi aveva danneggiato il tasto home, quello che rileva le impronte digitali del proprietario. Non c’era possibilità di risolvere il problema senza ricorrere all’assistenza Apple. Il Guardian aveva fatto notare che rimettere in funzione un iPhone 6 con questo problema costava circa 300 euro, più o meno la metà di un nuovo dispositivo.

Apple si è scusata dicendo che la funzione dell'”errore 53″ era stata pensata come test interno e non avrebbe mai dovuto riguardare gli iPhone messi in commercio. Chi ha dovuto pagare per risolvere un problema derivante dall'”errore 53″ quando il telefono non era più in garanzia può contattare il servizio Apple Care per avere un rimborso.

Mostra commenti ( )