Due milioni family day

C’entrano due milioni di persone al Circo Massimo?

Nemmeno per sbaglio: si potrebbe arrivare un po' oltre le 300mila se stessero tutti molto, molto stretti; è l'ennesima cifra sballata usata dagli organizzatori delle manifestazioni

Due milioni family day

Il 30 gennaio si è tenuto a Roma il Family Day, una manifestazione di protesta contro il ddl Cirinnà sulle unioni civili organizzata da diverse associazioni di cattolici conservatori. Il luogo della manifestazione era il Circo Massimo, una vasta area verde nel centro storico della città, utilizzata nell’Antica Roma per le corse di carri e per altre gare sportive. Durante il Family Day, gli organizzatori hanno detto dal palco che alla manifestazione erano presenti due milioni di persone. Come quasi sempre accade con le manifestazioni in Italia, la cifra è esagerata di almeno un ordine di grandezza, probabilmente molto di più. In nessun caso è infatti possibile che il Circo Massimo possa ospitare due milioni di persone: è proprio una questione di spazio fisico.

Circo Massimo

Quella sopra è una fotografia del Circo Massimo. Abbiamo evidenziato un’area in maniera piuttosto generosa, includendo anche le vie intorno allo spazio della manifestazione, anche se le immagini della diretta mostrano che quelle strade erano libere e occupate soprattutto da autobus parcheggiati. Con un’applicazione online abbiamo calcolato l’area evidenziata che ammonta in tutto a circa 85 mila metri quadrati. In genere la misura utilizzata per “misurare” una folla è contare quattro persone per metro quadrato in caso di manifestazioni molto dense, e di scendere intorno a due per metro quadrato per le manifestazioni che si tengono d’inverno, quando le persone indossano abiti più spessi, e per quelle in cui la folla è disposta in maniera meno compatta.

Il conto è abbastanza semplice: nelle condizioni ideali al Circo Massimo e nelle vie immediatamente adiacenti possono trovare spazio 4×85 mila persone: cioè in tutto 340 mila persone. È molto probabile però che oggi a Roma siano stati in molti meno.

Roma, Family Day al Circo Massimo

Questa è una fotografia scattata all’inizio della manifestazione e mostra il pubblico delle prime file seduto, una posizione in cui un corpo umano occupa più spazio di quando è in piedi. Sono sedute anche le persone sugli spalti, dove si intravedono ampie zone di verde, segno che non c’è una disposizione particolarmente fitta della folla. Nella fotografia si vede anche che un ampio spazio è occupato dalle torri che reggono i sistemi di amplificazione. Altro spazio ancora andrebbe tolto dal conteggio perché occupato dal grande palco e dal considerevole spazio lasciato vuoto dietro al palco stesso.

Per fare un confronto, si può osservare com’era più densa la folla in occasione del concerto dei Rolling Stones nel giugno del 2014, sempre al Circo Massimo. Difficile che ci fossero esattamente quattro persone al metro quadro, ma in questo caso non si vede nemmeno una chiazza d’erba, né grandi gruppi di persone sedute.

Sappiamo esattamente quante persone erano presenti al concerto, perché l’ingresso era a pagamento. Quel giorno al Circo Massimo c’erano 71 mila persone. A giudicare dalla disposizione della folla, oggi molto meno densa che nel giugno 2014, verrebbe quindi da dire che al Family Day siano state presenti non due milioni di persone, ma meno di 70 mila. Resta però impossibile da stabilire con certezza senza la presenza di fotografie aeree che permettano di calcolare precisamente quale sia l’area effettivamente occupata dai manifestanti.

Non è la prima volta che gli oppositori delle unioni civili esagerano in maniera notevole sul numero di persone che partecipano alle loro manifestazioni. Nel giugno del 2015 gli organizzatori di quel Family Day avevano parlato di un milione di presenze alla manifestazione in piazza San Giovanni a Roma, uno spazio che in realtà può accoglierne al massimo 200 mila e che in quell’occasione probabilmente non ne ospitava più di qualche decina di migliaia. Non sono solo le associazione di cattolici conservatori a esagerare sui numeri, comunque: Silvio Berlusconi e la CGIL dissero di essere riusciti anche loro a portare un milione di persone in piazza San Giovanni. Nel 2002 la CGIL disse di averne portate tre milioni al Circo Massimo.

Mostra commenti ( )