Will Smith ha annunciato che non andrà alla cerimonia degli Oscar, perché gli attori e le attrici candidati sono tutti bianchi

L’attore Will Smith ha annunciato che non andrà alla cerimonia degli Oscar, perché gli attori e le attrici candidati sono tutti bianchi. La stessa decisione era stata presa qualche giorno fa dal regista Michael Moore, da Spike Lee, che è anche un attivista per i diritti civili, e da Jada Pinkett, attrice nera conosciuta per Alì, Collateral e per la serie Gotham, che è anche moglie di Will Smith. Wil Smith ha detto: «La diversità è la superpotenza americana. Ed è per questo che siamo grandi. Quando guardo la serie di nomination dell’Academy mi accorgo che non riflette la bellezza della nostra diversità». La cerimonia degli Oscar 2016 si terrà a Los Angeles il 28 febbraio.

Da quando sono state annunciate le nomination degli Oscar 2016, l’organizzazione composta da persone che fanno parte di ogni ruolo del cinema (registi, attori, direttori della fotografia, costumisti, eccetera) che assegna i premi, cioè l’Academy, è stata accusata di avere un problema di razzismo. Tutti e venti gli attori e le attrici candidati all’Oscar come protagonista o non protagonista, infatti, sono bianchi: e la stessa cosa era successa l’anno scorso. Anche le persone candidate agli altri premi –per qualsiasi premio – sono molto spesso bianchi e (fatta ovviamente eccezione per le categorie espressamente femminili) molto spesso maschi. In molti hanno accusato l’Academy di aver ignorato attori, registi e sceneggiatori meritevoli – da quelli di Creed a quelli di Straight Outta Compton, per esempio – in quanto neri.

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.