Svezia migranti

La reazione a catena sui confini di Svezia, Danimarca e Germania

La Svezia ha imposto nuovi controlli a chi viene dalla Danimarca per fermare i migranti, la Danimarca ha fatto lo stesso con la Germania

Svezia migranti
Il ponte Oresund tra Svezia e Danimarca, 3 gennaio 2016 (JOHAN NILSSON/TT/AFP/Getty Images)

Da lunedì 4 gennaio la Svezia ha introdotto nuovi controlli di frontiera per chi arriva dalla Danimarca in treno o automobile attraverso il ponte di Øresund o con i traghetti. I viaggiatori dovranno presentare un documento di identità provvisto di foto e verranno respinti in caso non abbiano documenti. La misura, che sarà valida per tre anni, è stata adottata per rallentare l’ingresso dei migranti nel paese, ma sta portando a una crisi nei rapporti tra Svezia e Danimarca e ha di fatto generato una reazione a catena. Il primo ministro danese Lars Loekke Rasmussen ha infatti detto che verranno introdotti dei controlli al confine con la Germania, che dureranno per ora dieci giorni ma che potrebbero essere poi estesi. Rasmussen ha precisato che la decisione è una reazione alle decisioni della Svezia e il ministro degli esteri tedesco ha detto che gli accordi di Schengen sulla libera circolazione nell’Unione Europea sono “in pericolo” per via di queste decisioni.

Lo scorso anno, all’inizio della cosiddetta “crisi dei migranti”, il primo ministro svedese Stefan Löfven si era schierato con la Germania per accogliere centinaia di migliaia di richiedenti asilo in fuga dalle persecuzioni e dalla guerra in Siria, Iraq e Afghanistan. La Svezia aveva poi rivisto le proprie intenzioni, sostenendo che l’incapacità dell’Europa intera di condividere la questione della distribuzione dei rifugiati avrebbe reso di fatto la sua posizione insostenibile. In Svezia tra ottobre e novembre sono arrivati circa 80 mila richiedenti asilo, più o meno quanti ne sono entrati nel paese durante tutto il 2014. Con un comunicato diffuso per motivare l’introduzione dei nuovi controlli di frontiera, il governo svedese ha detto che “considerata l’attuale situazione, con un gran numero di persone che entrano in un breve periodo nel paese, c’è un serio pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza nazionale”. Secondo il Guardian circa il 40 per cento dei migranti ha documenti di identità, ma alcuni gruppi – i giovani afghani, per esempio – ne sono spesso sprovvisti.

Il primo ministro danese Rasmussen aveva anticipato la decisione durante il suo discorso di inizio anno, spiegando che il governo avrebbe potuto essere costretto a sua volta a imporre dei controlli al confine con la Germania per arginare il flusso di profughi. La Danimarca, in breve, vuole evitare che le migliaia di migranti bloccati dalla Svezia comincino ad accumularsi lungo il confine e nel paese. Rasmussen aveva poi spiegato che i nuovi controlli imposti dalla Svezia avrebbero creato disagi e difficoltà soprattutto ai tanti pendolari che per lavoro o per studio si muovono ogni giorno tra i due paesi: dal 1950 la frontiera era sostanzialmente aperta e si poteva attraversare senza mostrare documenti. La Danimarca già da qualche mese ha reso più dure le sue pratiche per limitare e scoraggiare l’arrivo dei migranti: la decisione più discussa è stata l’introduzione di una legge che permette alla polizia di sequestrare i beni di valore dei migranti che arrivano nel paese.

Il ponte Øresund è una tratta di quasi sedici chilometri che collega la Svezia alla Danimarca, in prossimità rispettivamente delle due città di Malmö, la terza città più grande della Svezia, e Copenaghen: è il collegamento stradale e ferroviario più lungo d’Europa. Ogni giorno, circa 74.900 persone attraversano il ponte. Altre 20.900 persone utilizzano invece i traghetti tra Helsingør (Danimarca) e Helsingborg (Svezia).

Mostra commenti ( )