lucas-abrams

A George Lucas non è piaciuto il nuovo Star Wars

Ha detto che Disney ha voluto fare un film retrò e che cedere la Lucasfilm è stato come vendere i figli agli schiavisti bianchi (ma poi si è scusato)

lucas-abrams
George Lucas e J.J. Abrams, che ha scritto e diretto "Il risveglio della Forza". (Ethan Miller/Getty Images)

Aggiornamento 1 gennaio – George Lucas si è scusato per alcune delle espressioni usate nella sua intervista con Charlie Rose riguardo Disney e il nuovo film di Star Wars. Lucas aveva detto che vendere Lucasfilm a Disney era stato per lui come «vendere i figli agli schiavisti bianchi».

«Voglio chiarire quanto ho detto nella mia intervista al Charlie Rose Show. Era un’intervista per i Kennedy Center Honors, prima dell’uscita del film. Ho usato un’espressione sbagliata facendo un’analogia davvero inappropriata, per cui mi scuso. Lavoro con Disney da quarant’anni e li ho scelti come custodi di Star Wars per via del mio grande rispetto per la società e per la leadership dell’amministratore delegato Bob Iger. Disney sta facendo un lavoro incredibile prendendosi cura della saga ed espandendola. È importante per me chiarire che sono entusiasta di Disney e della direzione che sta dando alla saga»

***

George Lucas, il regista e produttore che ha ideato la saga Star Wars e che ne ha diretto quattro dei sette film, ha detto che il nuovo film di Star Wars – Il risveglio della Forza – il primo uscito dopo che nel 2012 la Disney ha acquisito per 4 miliardi di dollari la sua casa di produzione, non gli è piaciuto. Lucas ha detto al giornalista televisivo Charlie Rose che quelli della Disney hanno voluto fare un film retrò. Lucas ha parlato degli Star Wars da lui diretti come dei “suoi figli” e ha poi parlato del nuovo film Disney diretto da J.J. Abrams:

Li amo, li ho creati, gli sono intimamente molto legato e li ho venduti agli schiavisti bianchi, che prendono queste cose e…

Lucas si è poi interrotto e si è messo a ridere. Nell’intervista (di cui alcuni giorni fa erano uscite alcune anteprime in cui Lucas diceva che nel film c’erano “alti e bassi”) ha spiegato di aver venduto la Lucasfilm perché la storia di Star Wars è troppo grande e ipoteticamente espandibile perché lui la potesse continuare a controllare per i prossimi anni. Lucas ha detto che Disney ha voluto fare un film per i fan e ha rinunciato a introdurre elementi di novità come lui aveva cercato di fare nei suoi film.

«Hanno voluto fare un film retrò. A me questa cosa non piace. Ho lavorato duro perché ogni film fosse diverso dall’altro. Li ho fatti completamente diversi tra loro – pianeti diversi, astronavi diverse – perché volevo fossero nuovi ogni volta»

Parlando delle differenze tra i suoi film e Il risveglio della forza, Lucas ha anche detto che dopo aver capito che Disney aveva idee diverse dalle sue non ha più voluto avere niente a che fare con i progetti legati a Il risveglio della forza: «È un semplice principio di vita», ha detto. «Quando ti lasci con qualcuno non chiami per sentire come stanno, non vai davanti casa loro per vedere cosa fanno e non vai nei posti che frequentano. Dici solo: stop, è passato, guardo avanti. Ogni volta che non lo fai riapri una ferita».

Mostra commenti ( )