Fiumicino
  • Cultura
  • domenica 27 dicembre 2015

Gli attacchi agli aeroporti di Roma e Vienna, 30 anni fa

Breve storia di uno degli ultimi grandi attacchi terroristici compiuti da organizzazioni palestinesi in Europa, il 27 dicembre 1985

Fiumicino

Alle 8 e 15 del 27 dicembre 1985, due commando palestinesi formati da sette terroristi attaccarono gli aeroporti di Roma e Vienna con armi automatiche e granate, in quello che diventò uno degli ultimi attacchi compiuti dal terrorismo internazionale in Italia e un punto di svolta nel conflitto israelo-palestinese. I due commando riuscirono a uccidere 19 persone e a ferirne più di 130 prima di essere uccisi o catturati a loro volta.

I terroristi cominciarono ad agire a Roma, alle otto e un quarto in punto, quando quattro uomini armati entrarono nella grande sala dell’aeroporto dove centinaia di persone erano in fila per il check-in della compagnia aerea israeliana El Al e dell’americana TWA. I quattro uomini spararono sulla folla con armi automatiche e lanciarono alcune granate. Le guardie di sicurezza israeliane, alcune in borghese e mischiate tra i passeggeri, risposero al fuoco. La compagnia aerea israeliana era oggetto di attacchi da anni e oramai in tutti gli aeroporti del mondo si era dotata di guardie di sicurezza, spesso ex-militari o poliziotti.

La sparatoria durò un minuto. Tre palestinesi furono uccisi dalle guardie armate, mentre il quarto fu ferito e catturato dalla polizia italiana. Mentre la sparatoria terminava a Fiumicino, altri tre uomini iniziarono a sparare contro le persone in coda davanti agli uffici di El Al nell’aeroporto di Vienna. Tre persone furono uccise da una granata e altre 39 rimasero ferite. I tre assalitori fuggirono in macchina, ma furono inseguiti e fermati dalla polizia austriaca. Uno di loro rimase ucciso nello scontro a fuoco, mentre altri due furono catturati.

Durante il processo, i terroristi catturati dissero di appartenere ad Abu Nidal, un’organizzazione palestinese che nel 1974 si era separata da Fatah, il gruppo guidato da Yasser Arafat e la principale delle molte fazioni che lottavano per la liberazione della Palestina. Abu Nidal era uno dei gruppi più cruenti e, nel corso degli anni Ottanta e dei primi anni Novanta, uccise più di 900 persone in una serie di attentati ed assassinii mirati, spesso nei confronti di altri palestinesi.

Il doppio attacco di Fiumicino e Vienna fu il più ambizioso degli attentati che l’organizzazione provò a compiere in Europa e rappresentò un punto di svolta nella lotta per la liberazione della Palestina. L’opinione pubblica europea, che fino ad allora aveva adottato un atteggiamento cauto nei confronti del terrorismo palestinese, reagì con durezza agli attacchi. Pochi mesi prima, nel novembre del 1985, Arafat aveva dichiarato in un famoso discorso al Cairo che gli attacchi terroristici contro obiettivi israeliani all’estero servivano solo a danneggiare la causa palestinese. La reazione dell’opinione pubblica dopo gli attacchi sembrò in parte confermare le sue parole e negli anni successivi il terrorismo palestinese in Europa praticamente sparì.

Le indagini successive e le confessioni dei terroristi catturati indicarono che il regime siriano, guidato da Hafez al Assad, padre dell’attuale dittatore Bashar, aveva fornito aiuto logistico e ospitalità agli organizzatori dell’attentato. Gli Stati Uniti all’epoca accusarono anche il regime libico di Muammar Gheddafi. I servizi segreti tunisini dimostrarono che la Libia aveva fornito passaporti falsi ad alcuni dei terroristi, ma giudici e investigatori europei rimasero convinti che l’appoggio maggiore all’attacco fu fornito dai siriani. L’organizzazione Abu Nidal esiste ancora oggi, ma la sua forza politica e militare è andata scomparendo.

Mostra commenti ( )