balcani occidentali
  • Mondo
  • sabato 29 agosto 2015

La rotta dei migranti attraverso i Balcani

Parte dalla Turchia, passa per i paesi dell'ex Jugoslavia e termina in Austria o Germania: e quest'anno è diventata la strada principale per entrare in Europa

balcani occidentali

Nel 2015 la rotta del Mediterraneo centrale che dalle coste del nord Africa porta in Italia attraverso il Canale di Sicilia ha smesso di essere la tratta più utilizzata dei migranti per entrare in Europa. Oggi la gran parte dei migranti che cerca di arrivare nell’Unione Europea lo fa tentando di attraversare i Balcani. Dall’inizio dell’anno, 130mila persone sono arrivati in Grecia partendo dalle coste della Turchia, la maggior parte con l’intenzione di proseguire verso l’Europa centrale e settentrionale. Altre trentamila sono arrivati tra luglio e agosto. Nello stesso periodo “soltanto” 90mila persone hanno attraversato il Mediterraneo per raggiungere l’Italia. La situazione è diventata drammaticamente visibile negli ultimi giorni, quando migliaia di persone sono rimaste bloccate tra il confine tra Macedonia e Grecia in attesa dell’apertura della frontiera, e soprattutto in occasione della morte di più di settanta migranti nella stiva di un camion a sud di Vienna.

migranti1(New York Times)

La rotta dei Balcani occidentali comincia con lo sbarco nelle isole greche – come Kos – con imbarcazioni di fortuna partite dalle coste della Turchia. I migranti si muovono poi verso il confine settentrionale della Grecia con la Macedonia, dove nelle ultime settimane la chiusura della frontiera da parte del governo macedone ha provocato scontri e incidenti con la polizia locale. Da qui, sui treni o pagando per ottenere passaggi a bordo dei camion, i migranti raggiungono la Serbia e infine l’Ungheria, il primo paese membro dell’Unione Europea che incontrano dopo aver lasciato la Grecia.

(Frontex)

(Frontex)

Una volta arrivati in Ungheria molti migranti si fermano e fanno richiesta d’asilo – l’Ungheria è uno dei paesi europei con il più alto numero di rifugiati pro-capite – ma un numero sempre maggiore di persone sfrutta l’assenza di posti di confine previsti dagli accordi di Schengen per proseguire il viaggio verso l’Austria, la Svezia e soprattutto la Germania. Passau, nella Germania sud-orientale al confine con l’Austria, è uno dei principali punti di arrivo di questo viaggio. I tedeschi la chiamano la “Lampedusa della Germania” e il Guardian ha raccontato che è una piccola e sonnolenta cittadina dove capita spesso che al mattino gli abitanti si sveglino ritrovandosi nel giardino di casa decine di siriani assetati appena scesi dai camion dei trafficanti. Il camion in cui la polizia austriaca ha trovato 71 migranti morti asfissiati lo scorso 27 agosto era probabilmente diretto a Passau.

I migranti hanno cominciato a percorrere la rotta dei Balcani occidentali in maniera massiccia a partire dal 2012. All’epoca, erano soprattutto di origine balcanica perché in quell’anno fu introdotto un sistema che permetteva agli abitanti di Serbia, Bosnia, Albania, Montenegro e Macedonia di entrare nell’Unione Europea senza bisogno di ottenere un visto. Da allora il flusso è aumentato notevolmente: dai seimila migranti che si stima abbiano percorso la rotta nel 2012 ai quarantamila dell’anno scorso, fino ad arrivare ai più di centomila dei primi sei mesi del 2015. Nel frattempo la composizione di chi affronta la rotta dei Balcani è cambiata. La maggior parte dei migranti oggi arriva dal Medio Oriente, in particolare dalla Siria e dall’Afghanistan, oppure dall’Africa orientale, sopratutto dalla Somalia.

(Frontex)

(Frontex)

Alcuni paesi interessati dalla “rotta dei Balcani” stanno cercando di porre dei rimedi piuttosto duri per contrastare il flusso di migranti. La Bulgaria sta ampliando un muro di recinzione già esistente al confine con la Turchia, mentre l’Ungheria ha cominciato a costruirne uno nel luglio del 2015 nei pressi del confine con la Serbia.

Mostra commenti ( )