• Mondo
  • martedì 18 agosto 2015

Gli scout svedesi ammalati di meningite

Secondo le autorità sanitarie possono aver contratto la malattia al recente raduno mondiale in Giappone, dove si sono ammalati anche tre scozzesi: invitano tutti i partecipanti a farsi visitare

Un momento del raduno mondiale scout nella spiaggia di Kirara-hama beach a Yamaguchi, in Giappone, 29 luglio 2015. (Kyodo)

Lunedì 17 agosto le autorità sanitarie svedesi hanno detto che un ragazzo svedese ha contratto la meningite e potrebbe essersi ammalato di meningite al “World Scout Jamboree”, il raduno mondiale degli scout, che si è tenuto dal 27 luglio all’8 agosto a Kirara-hama, in Giappone. L’Istituto sanitario svedese ha detto che sta indagando altri due casi e ha invitato i circa 2.000 scout svedesi che hanno partecipato al raduno a farsi visitare da un medico e chiedere un trattamento preventivo, anche se si sentono bene. La scorsa settimana si erano ammalati di meningite anche tre scout scozzesi che avevano partecipato al raduno.

L’associazione degli scout giapponesi ha detto di aver subito avvisato del rischio i gruppi scout che si erano accampati vicino agli scozzesi, invitandoli a farsi visitare da un medico: in particolare gli scout provenienti da Svezia, Svizzera, Francia, Finlandia, Stati Uniti e Giappone. Al raduno di Kira-hama hanno partecipato circa 30mila persone – tra cui 200 italiani – provenienti da 162 paesi diversi in tutto il mondo.

La meningite è un’infiammazione delle membrane protettive che coprono il cervello e il midollo spinale. Le sue cause possono avere origine batterica o virale, ed essere provocata anche da funghi e parassiti. Nelle sue forme più gravi può portare alla morte e per questo una diagnosi precoce è fondamentale. Molti sintomi iniziali sono molto simili a quelli dell’influenza: mal di testa, febbre, nausea e inappetenza, a cui si aggiungono confusione mentale, vertigini e ipersensibilità alla luce e ai rumori.

Mostra commenti ( )