Netflix

Gli innovativi congedi parentali di Netflix

Un permesso illimitato per il primo anno di vita dei figli, sia per le madri che per i padri, con lo stipendio pieno, e prorogabile

Netflix
(Frederick M. Brown/Getty Images)

Netflix – la famosa società statunitense che offre film e serie tv in streaming online on demand, e che presto arriverà in Italia – ha annunciato che avvierà una nuova una politica di congedo parentale per le sue e i suoi dipendenti dopo la nascita o l’adozione di un figlio: è previsto che le neo mamme e i neo papà possano usufruire di un permesso illimitato per il primo anno di vita del bambino, che per quello stesso periodo ricevano dunque il loro normale stipendio, che possano decidere di tornare al lavoro part-time o a tempo pieno e che possano anche rientrare e prendere un congedo successivo, se necessario.

Si tratta di una novità molto importante, dato che negli Stati Uniti il congedo parentale – regolato dal Family and Medical Leave Act del 1993 – prevede il diritto ai permessi di maternità e paternità solo per le aziende di una certa dimensione e per un periodo massimo di 12 settimane. Tawni Cranz, uno dei dirigenti di Netflix (società che più volte ha attribuito parte del suo successo al fatto di trattare i propri dipendenti “come degli adulti”), ha spiegato in un post che questi cambiamenti permetteranno ai dipendenti «di essere sostenuti durante i cambiamenti della loro vita» e che daranno loro la possibilità di tornare al lavoro in modo più efficiente. «Vogliamo che i nostri dipendenti abbiano la possibilità e la libertà di provvedere ai bisogni delle loro famiglie senza preoccuparsi del lavoro o dei soldi. I genitori possono tornare per un part-time, per un full-time, o andarsene quando ne hanno bisogno. Noi continueremo a pagarli normalmente».

Tra le società digitali statunitensi, Twitter era finora considerata la più avanzata in materia: offre infatti alle donne fino a 20 settimane di congedo retribuito e fino a 10 settimane per gli uomini. Facebook prevede quattro mesi di congedo retribuito sia per le nuove madri che per i padri, così come 4 mila dollari per ogni nuovo figlio nato o adottato. Facebook ha anche avviato dei programmi (piuttosto controversi) per farsi carico dei costi del congelamento e del mantenimento degli ovuli delle loro impiegate, che per non rinunciare alla loro carriera preferiscono ritardare il momento in cui dovranno affrontare una gravidanza. Google ha esteso il suo congedo di maternità retribuito portandolo da 12 a 18 settimane nel 2007. Oltre che per una questione di equità e progresso, queste aziende migliorano le loro policy in materia anche per una questione di concorrenza: se vogliono avere successo devono riuscire ad assumere le persone migliori e più talentuose, e quindi offrire ai loro dipendenti condizioni di lavoro sempre più avanzate.

Netflix esiste dal 1997. All’inizio offriva un servizio di noleggio di DVD e videogiochi che aveva superato nettamente la concorrenza di Blockbuster: dava la possibilità ai suoi utenti di sottoscrivere degli abbonamenti flat, di noleggiare un film su Internet e riceverlo a casa per posta, senza limiti di tempo per la restituzione, al prezzo mensile di 8,99 dollari. Dal 2008 è stato attivato il servizio di streaming online on demand, accessibile tramite un apposito abbonamento, che poi è diventato nel tempo il principale business della società. Oggi Netflix ha più di 60 milioni di abbonati in tutto il mondo e produce per conto proprio serie televisive di grande successo. Come ha spiegato Emily Peck sarà interessante vedere come funzionerà in pratica questa possibilità di congedo, se cioè verrà sfruttata oppure se non lo sarà abbastanza.

Mostra commenti ( )