cucchi
  • Italia
  • venerdì 31 ottobre 2014

Tutti assolti per la morte di Stefano Cucchi

I giudici hanno assolto tutti gli imputati – medici, infermieri, agenti – per la storia dell'uomo morto in ospedale dopo essere stato arrestato nel 2009

cucchi

I medici, gli infermieri e gli agenti di polizia penitenziaria imputati nel processo per la morte di Stefano Cucchi sono stati tutti assolti in appello per insufficienza di prove. In primo grado solo i medici erano stati condannati per omicidio colposo (tranne uno). La decisione è stata presa dai giudici della Prima Corte d’Appello di Roma, dopo una camera di consiglio durata circa tre ore, gli imputati nel processo erano dodici: sei medici, tre infermieri e tre agenti penitenziari.

I giudici potevano scegliere in diverso modo, confermando la sentenza di primo grado o accogliere le richieste della procura che avrebbero portato a una profonda revisione della sentenza e alla condanna di tutti gli imputati. Infine potevano accogliere la tesi della difesa che aveva proposto l’assoluzione di tutte le persone imputate.

Stefano Cucchi, 31 anni, lavorava come ragioniere nello studio di famiglia, nel quartiere romano del Casilino. Intorno alle 23.30 del 15 ottobre 2009 fu arrestato dai carabinieri nel parco degli Acquedotti perché trovato in possesso di droga. Il giorno successivo, dopo una perquisizione notturna nella casa dove viveva con i genitori – che lo trovarono in buona salute – e l’udienza di convalida dell’arresto, fu portato nel carcere romano di Regina Cœli (Cucchi aveva alcuni precedenti penali, ma non per reati connessi alla droga). Successivamente, Cucchi passò sei giorni in diverse strutture e con il coinvolgimento di decine di operatori sanitari e della giustizia, in una catena di abusi e illegalità solo parzialmente ricostruita.

Cucchi morì il 22 ottobre nel reparto protetto dell’ospedale “Sandro Pertini” di Roma intorno alle tre di mattina, come stabilì l’autopsia, i cui risultati furono resi pubblici solo alcuni mesi più tardi. La sua morte venne scoperta dal personale dell’ospedale solo tre ore più tardi.

Una commissione d’inchiesta del Senato, presieduta dall’allora senatore del PD Ignazio Marino, stabilì che al momento dell’ingresso in carcere Cucchi presentava già lesioni gravi al volto, lesioni vertebrali e un sospetto di trauma cranico e addominale. Secondo l’accusa, infatti, Cucchi fu picchiato violentemente prima ancora dell’udienza di convalida dell’arresto, la mattina del 16 ottobre. Successivamente, dopo il suo ricovero al “Pertini”, secondo l’accusa Cucchi non fu curato né nutrito, lasciandolo morire di fame e di sete, nonostante le sue pessime condizioni cliniche. Cucchi, che era tossicodipendente e soffriva di epilessia, aveva infatti, già dal 19 ottobre, una grave ipoglicemia (mancanza di zuccheri), oltre ai traumi alla testa e alla schiena.

Dopo la lettura della sentenza di appello la madre di Stefano Cucchi ha parlato di una decisione “assurda: mio figlio è morto dentro quattro mura dello Stato che doveva proteggerlo”. Il padre di Cucchi ha ricordato che “le persone ferite siamo noi e lo saremo per tutta la vita. Vogliamo la verità. Possono assolvere tutti, ma io continuerò a chiedere allo Stato chi ha ucciso mio figlio”.

Il caso Cucchi raccontato da Carlo Lucarelli su RaiTre nel 2010

Foto: i parenti di Stefano Cucchi – la sorella Ilaria e il padre Giovanni –
durante la lettura della sentenza di primo grado nel 2013. (Mauro Scrobogna / LaPresse)

Mostra commenti ( )